ULTIM'ORA

Libia: migrante ucciso mentre provava a fuggire da un centro di detenzione

Libia: migrante ucciso mentre provava a fuggire da un centro di detenzione
Dimensioni di testo Aa Aa

Era in gruppo di oltre 100 persone fermato in mare e riportato a Tripoli dalla Guardia costiera libica il migrante sudanese ucciso da alcuni uomini armati mentre provava a fuggire dal centro di detenzione di Abusitta, situato nel porto della capitale libica. A darne notizia è stata l'Organizzazione mondiale per le migrazioni, presente sul posto con il proprio staff.

Immediata la condanna della Commissione europea. "L'uso di armi da fuoco contro civili non armati è inaccettabile in ogni circostanza - ha detto Maja Kocijančič, portavoce della Ue - chiediamo alle autorità libiche di condurre un'indagine approfondita per chiarire le circostanze e garantire che siano messe in atto tutte le misure affinché incidenti di questo tipo non si ripetano".

Negli ultimi cinque giorni sono quasi 500 le persone riportate indietro dalla Guardia costiera libica. Stando all'Organizzazione internazionale per le migrazioni sarebbero 5mila i migranti detenuti nel paese, di cui 3mila nelle aree del conflitto tra le forze governati di Fayez al Serraj e quelle del maresciallo Khalifa Haftar.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.