ULTIM'ORA

Consiglio d'Europa: la Spagna deve investire di più sull'educazione della comunità rom

Consiglio d'Europa: la Spagna deve investire di più sull'educazione della comunità rom
Diritti d'autore
Fundación Secretariado Gitano
Dimensioni di testo Aa Aa

Meno della metà dei bambini rom riesce a terminare la scuola dell'obbligo in Spagna. Per l'esattezza, il 45 per cento di loro non completa l'istruzione secondaria obbligatoria (ESO) come certifica una relazione del Consiglio d'Europa che esorta le autorità spagnole a mettere in atto delle misure per arginare e prevenire questo tipo di discriminazione.

Le cifre della Fundación Secretariado Gitano sono ancora più preoccupanti. Secondo uno studio congiunto con UNICEF nel 2013 questa percentuale raggiungerebbe il 64%.

Questi dati rappresentano una "garanzia che esclusione e povertà continuano", le parole di Isidro Rodríguez, direttore della Fundación Secretariado Gitano, a Euronews. "Questa grande disuguaglianza in Spagna si registra solo con i gitani, neanche con gli studenti immigrati".

Pertanto, data la singolarità del problema, la soluzione concreta suggerita è di mettere in atto "misure molto specifiche di orientamento alle famiglie e centri di rafforzamento educativo di qualità".

Rodríguez sottolinea che tra le ragioni dietro questo fenomeno ci sia la sistematica segregazione subita dalla comunità zingara del Paese a partire dalla concentrazione residenziale della popolazione e dall'ubicazione degli edifici scolastici.

"Ci sono scuole elementari con un'alta concentrazione di studenti rom, fino al 60%", aggiunge. "Le scuole frequentate da bambini zingari rimangono ghettizzate, non si applicano misure per correggere queste anomalie".

D'altra parte, i bambini rom vengono solitamente mandati a scuola più tardi. "Anche se tutti i bambini finiscono la scuola primaria, quando raggiungono la secondaria la iniziano con un certo grado di ritardo....così quando compiono 16 anni, sono ancora al secondo o terzo anno", spiega Rodríguez. "L'istruzione è un diritto fondamentale e spetta alle autorità pubbliche garantirlo".

Il Consiglio d'Europa propone che la Spagna crei un organismo forte in materia di uguaglianza e adotti una nuova legislazione a 360° contro la discriminazione.

La Spagna ha una popolazione rom compresa tra le 725mila e le 750mila persone, stimano le istituzioni europee. Tuttavia, il governo spagnolo ritiene che queste cifre non siano esatte: potrebbero variare da mezzo milione a un milione di persone. Nella sua strategia nazionale per l'inclusione sociale della popolazione rom in Spagna 2012-2020, il Ministero della sanità, dei servizi sociali e dell'uguaglianza include progressi significativi nella scolarizzazione primaria dei bambini rom si dice anche preoccupato per la mancanza di giovani rom nei cicli educativi successivi:

"Così, la popolazione rom adulta ha un livello di istruzione più basso, con un tasso di analfabetismo più elevato rispetto alla popolazione generale".

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.