EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

"Atto illegale": l'UE reagisce all'annuncio bomba di Netanyahu

"Atto illegale": l'UE reagisce all'annuncio bomba di Netanyahu
Diritti d'autore Reuters
Diritti d'autore Reuters
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dalla Lega araba all'Unione europea piovono su Israele le critiche all'annuncio in piena campagna elettorale di Benjamin Netanyahu di annettere la Valle del Giordano

PUBBLICITÀ

"Simili iniziative minano il processo di pace. Sono pericolose, irresponsabili e illegali", la Lega Araba ha diffuso queste dichiarazioni a seguito di una riunione straordinaria dopo la promessa del premier israeliano Benjamin Netanyahu di annettere la Valle del Giordano e la sponda nord del Mar Morto se verrà rieletto il prossimo 17 settembre. Un clamoroso annuncio dettato dai sondaggi a lui sfavorevoli.

Critica anche la Commissione europea che per per bocca di un portavoce contattato da Euronews, ribadisce: "l'Unione non riconoscerà modifiche ai confini concordati prima del 1967", e definisce "illegale" il proliferare di colonie in Cisgiordania e a Gerusalemme Est dopo la vittoria della Guerra dei sei giorni da parte di Israele.

La Valle del Giordano corrisponde al 30% della Cisgiordania. Ci vivono più di 10mila coloni israeliani e oltre 50mila palestinesi.

"Nethanyahu dice che farà questo e quello. E noi gli rispondiamo che questi territori rimarranno palestinesi, perché sono le terre dei nostri genitori e dei nostri nonni, e ci rimarremo costi quel che costi", commenta un contadino palestinese.

Nella giornata di giovedì Netanyahu sarà a Sochi in Russia, dove incontrerà Vladimir Putin.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Netanyahu: ultimo CDM nella Valle del Giordano

Guerra a Gaza: razzi di Hamas contro Israele, sirene a Tel Aviv

Israele sequestra attrezzatura Ap e blocca diretta su Gaza: ha usato la legge anti Al Jazeera