Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Estorsioni e monopolio cimitero

Estorsioni e monopolio cimitero
Conferma fermi esponenti cosca Cordì.Sequestrata agenzia funebre
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – LOCRI (REGGIOCALABRIA), 22 AGO – Carabinieri e
Guardia di finanza dei comandi provinciali di Reggio Calabria,
con il supporto dello squadrone Cacciatori, hanno arrestato
quattro persone come seguito dell’operazione del 2 agosto scorso
e che aveva portato al fermo di 10 persone, il cui provvedimento
è stato confermato, e permesso di ricostruire l’operatività di
gruppi criminali riconducibili alla cosca Cordì di Locri per
estorsioni e per il monopolio sul cimitero locrese. I
provvedimenti, che riguardano anche un sequestro di beni nei
confronti di 15 persone, appartenenti o contigue alla cosca,
sono stati emessi dal Gip del tribunale di Reggio Calabria su
richiesta della Dda reggina. Le persone arrestate dai carabinieri sono Giuseppe Ripepi, di
43 anni, e Bruno Zucco, di 51, attualmente detenuto. I
finanzieri hanno arrestato Vincenzo Cordì, di 62 anni,
attualmente detenuto e ritenuto il boss della cosca omonima, e
Fabio Modafferi di 41. Una quinta persone si è resa
irreperibile. Sequestrata un’agenzia funebre.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.