Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Usa testano missile a medio raggio, si rischia escalation con la Russia

Usa testano missile a medio raggio, si rischia escalation con la Russia
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Tornano le tensioni tra Stati Uniti e Russia, dopo il test di un missile a medio raggio effettuato domenica nell'isola di San Nicolas, al largo della California.

"Dopo oltre 500 km di volo, ha centrato l'obiettivo", ha fatto sapere il Pentagono, aggiungendo che "i dati raccolti forniranno informazioni alla Difesa sul futuro del potenziale missilistico a medio raggio". Si tratta del primo test di un missile che fino al 2 agosto era proibito e cioè prima del ritiro unilaterale di Washington, dal trattato sulle Forze nucleari a raggio intermedio (INF).

Putin: "Se lo fanno prima loro, rispondiamo"

L'annuncio del test è arrivato poco dopo le dichiarazioni di Vladimir Putin, durante la conferenza stampa congiunta con Emmanuel Macron. Il presidente russo affermava che il suo Paese non avrebbe dispiegato missili a corto e medio raggio, a meno che non lo avessero fatto prima gli Stati Uniti.

"Vorrei ricordare che non è la Russia che si è ritirata unilateralmente dal trattato INF, non siamo noi", ha dichiarato Putin. "Ora all'ordine del giorno c'è ancora la questione dell'estensione del trattato sulla riduzione delle armi nucleari. Fino ad ora non abbiamo visto alcun tipo di iniziativa da parte dei nostri partner americani, anche se le nostre proposte sono sul tavolo".

Il Trattato INF venne siglato a Washington l'8 dicembre 1987, da Ronald Reagan e Michail Gorbačëv. Con questo trattato le due superpotenze bandivano i missili convenzionali e nucleari, in grado di viaggiare tra 500 e 5.500 km.

Reagan e Gorbačëv firmano il trattato INF, Washington 08/12/1987