Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Isole Svalbard: frammenti di plastica e gomma nella neve

Isole Svalbard: frammenti di plastica e gomma nella neve
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

È considerato uno degli ultimi ambienti incontaminati sulla Terra, ma ora le microplastiche rinvenute sembrano essere letteralmente cadute dal cielo.

Un gruppo di scienziati tedeschi e svizzeri ha trovato minuscoli frammenti di plastica e gomma nella neve sullo stretto di Fram, il tratto di mar Glaciale Artico tra le isole Svalbard e la Groenlandia, in quantità tali da comprendere siano arrivati dall’atmosfera.

"Per alcuni muscoli, sappiamo che sono vittime di reazioni infiammatorie - dice la scienziata Melanie Bergmann - alcuni vermi soffrono invece di un livello di crescita più basso o di un tasso di riproduzione inferiore, altre specie ancora soffrono di un aumento della mortalità.

Poi ci sono anche alcune specie che non sembrano mostrare alcuna risposta, almeno non al livello di cui ci stiamo occupando: tuttavia, dovremmo davvero pensare a ridurre il nostro consumo di plastica perché ne stiamo vedendo gli effetti".

I campioni di neve utilizzati per lo studio erano stati raccolti durante alcune spedizioni di ricerca tra il 2015 e il 2017: tra le cose riconosciute, pezzetti di pneumatici e frammenti di vernice.

I ricercatori affermano che sono necessari ulteriori studi per comprendere il danno che la plastica venuta giù dal cielo - parte della quale proveniente da navi rompighiaccio - potrebbe avere su pesci, uccelli marini e grandi mammiferi.

In alcuni campioni di neve raccolti vicino alle Svalbard sono state trovate concentrazioni molto alte di microplastiche. Come sono arrivate lì?

Publiée par il Post sur Jeudi 15 août 2019