Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Una pista terroristica dietro incendio di Firenze?

Una pista terroristica dietro incendio di Firenze?
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Italia dell'alta velocità ferroviaria divisa in due. E potrebbe esserci un collegamento tra il caos dei treni che si è scatenato questa mattina dopo uno strano incendio fuori dalla stazione di Firenze e le battute finali del processo a 28 anarchici in corso proprio al tribunale del capoluogo toscano in merito alla bomba piazzata la notte di Capodanno 2017 alla libreria Il Bargello di Firenze, vicina a Casapound.

È l'ipotesi che in queste ore stanno valutando gli inquirenti incaricati di indagare sui fatti dopo aver scoperto che i roghi alla cabina elettrica dell'Alta velocità erano dolosi.

Il sospetto è che alla base dei disagi ci possa essere una azione dimostrativa da parte di gruppi anarchici collegabile al processo contro le 28 persone ritenute appartenenti alla stessa area anarchica.

Ed è lo stesso sito anarchico finimondo.org a fomentare il sospetto affermando che potrebbe essersi trattato di un atto d'amore.

Questa mattina — dieci giorni dopo il ventunesimo anniversario della morte di Maria Soledad Rosas, due giorni dopo il diciottesimo anniversario della morte di Carlo Giuliani, e poche ore prima della prevista sentenza da parte del Tribunale di Firenze contro una trentina di anarchici — la linea ferroviaria che collega Roma e Firenze è ferma, sospesa, bloccata. Cosa è successo? All’alba, nella prima periferia del capoluogo toscano, una cabina elettrica dell’Alta Velocità si è surriscaldata al punto da andare in fiamme. Sarà stato un caso? Una coincidenza? Una «vile provocazione»? Oppure, più semplicemente ed umanamente, un gesto d’amore e di rabbia?
finimondo.org

Immediata la reazione del ministro dell'interno matteo Salvini che ha promesso che i responsabili saranno puniti.

Intanto a migliaiai di persone non resta che attendere nelle stazioi.