ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Le sfide di madame Christine

 Christine Lagarde
Christine Lagarde
Dimensioni di testo Aa Aa

Comunque la si pensi Christine Lagarde, nuova signora della BCE e successore dell'taliano mario Draghi, costituisce un'inversione a 180 gradi rispetto al suo predecessore. A partire dalla comunicazione. Draghi, capacissimo, ma abbastanza dimesso burocrate, dopo la crisi globale del 2008 e dell’euro area ha usato strumenti non convenzionali come l'acquisto massiccio di titoli di Stato, mantenendo tassi di interesse estremamente bassi. Christine Lagarde, ex presidentessa della Banca Mondiale è tutto il contrario. Politica, instancabile negoziatrice, che però si troverà a dover smaltire ad esempio un enorme portafoglio di titoli acquisiti e dovrà anche iniziare ad aumentare i tassi di interesse controllati dalla Bce, giunti ad essere negativi. Questo vuol dire ad esempio che fare un mutuo costerà più caro se dovesse accadere.

Tendente a una visione più aggressiva, Lagarde aveva detto quest'anno: "Riteniamo perché l'economia globale continui a funzionare bene è necessario un sistema commmerciale più aperto, trasparente e con regole certe".

Più facile a dirsi che a farsi dopo le tensioni commerciali con gli Stati Uniti e la Cina, con l'Europa sempre più vaso di coccio in mezzo ad otri di ferro e con il vecchio continente a dover fronteggiare la Brexit e la crisi economica di alcun dei suoi stati membri. Resta da vedere se lo charme di madame Lagarde potrà prevalere contro tutto questo.

I suoi sostenitori ne sono convinti. I suoi detrattori l'aspettano al varco

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.