EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Tirana: crescono le tensioni in vista del voto amministrativo

Tirana: crescono le tensioni in vista del voto amministrativo
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Non si fermano a Tirana le proteste contro le elezioni amministrative che si terranno il 30 giugno, nonostante il boicottaggio annunciato dai partiti dell'opposizione. Da febbraio l'opposizione di piazza chiede le dimissioni del primo ministro Edi Rama, accusato di corruzione

PUBBLICITÀ

Non si fermano a Tirana le proteste contro le elezioni amministrative che, per lo meno al momento, si terranno il 30 giugno, nonostante il boicottaggio annunciato dai partiti dell'opposizione. Da febbraio imponenti manifestazioni di piazza chiedono le dimissioni del Primo Ministro Edi Rama, accusato di frodi elettorali e di legami col crimine organizzato dopo la pubblicazione di un'inchiesta del giornale tedesco Bild.

Tirana, Albania, June 8, 2019. REUTERS/Florion Goga
An opposition supporter carrying a smoke can attends an anti-government protest, calling on Prime Minister Edi Rama to step down, in TiranaTirana, Albania, June 8, 2019. REUTERS/Florion Goga

Ed e' proprio la data delle elezioni una delle questioni in campo: di fronte al rifiuto dell'opposizione di partecipare al voto, il Presidente della Repubblica albanese, Ilir Meta, ha annullato la data del 30 giugno, proponendo in alternativa il 13 ottobre, nella speranza di un accordo tra i partiti. Ma la commissione elettorale centrale ha contestato la decisone del presidente e dichiarata valida la data di domenica.

Tirana, Albania, June 8, 2019. REUTERS/Florion Goga
An opposition supporter holds a U.S. Flag outside Parliament building during an anti-government protest, calling on Prime Minister Edi Rama to step downTirana, Albania, June 8, 2019. REUTERS/Florion Goga

Rama conta nell'appoggio della comunità internazionale; dall'Ocse all' Unione Europea (che pur avendo condannato le violenze dell'opposizione, non si è pronunciata sulla controversia della data delle elezioni) e nel supporto di paesi come gli Stati Uniti. Il Primo Ministro chiuderà la campagna elettorale in un paesino turistico nel sud ovest del Paese. I sindaci dei municipi governati dall^'ôpposizione hanno assicurato che non permetteranno che si celebrino le elezioni.

Tirana, Albania, June 8, 2019. REUTERS/Florion Goga
An opposition supporter holds an EU Flag outside Parliament building during an anti-government protest, calling on Prime Minister Edi Rama to step downTirana, Albania, June 8, 2019. REUTERS/Florion Goga

La comunità internazionale ha condannato le violenze degli ultimi giorni. L'utlimo episodio in ordine di tempo si è verificato nella notte di giovedi: 3 poliziotti sono rimasti feriti nell'attacco di alcuni militanti del Partito Democratico, all'opposizione, ad una scuola sede di collegio elettorale. Hanno lanciato molotov e distrutto urne e materiale elettorale pronto per il voto di domenica.

La speranze di un accordo dell'ultimo minuto che eviti l'apertura dei seggi si fanno sempre piu' labili.

Tirana, Albania, June 8, 2019. REUTERS/Florion Goga
Opposition supporters use light from their cellphones during an anti-government protest, calling on Prime Minister Edi Rama to step downTirana, Albania, June 8, 2019. REUTERS/Florion Goga
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Albania vicino al collasso istituzionale. MIgliaia in piazza contro Rama

Albania, la maggioranza chiede la rimozione del Capo dello Stato

Migranti, i centri in Albania saranno pronti solo in autunno