Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Caso Khashoggi - Onu, omicidio "premeditato", prove credibili di responsabilità Mohammed bin Salman

Caso Khashoggi - Onu, omicidio "premeditato", prove credibili di responsabilità Mohammed bin Salman
Diritti d'autore
Mohammed bin Salman fotografato al G20 di Buenos Aires nel novembre 2018 - REUTERS/Sergio Moraes/File Photo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

"Ci sono "prove credibili che meritano ulteriori indagini" su un possibile coinvolgimento del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman nell'uccisione di Jamal Khashoggi. Lo sostiene il rapporto di 101 pagine degli esperti Onu sui diritti umani che indagano sul caso, guidati da Agnes Callamard. "Non ci sono conclusioni sui colpevoli", ha precisato comunque Callamard.

Gli investigatori delle Nazioni Unite avrebbero trovato prove credibili di una responsabilità saudita ad alti livelli sull'omicidio definito "premeditato" del giornalista dissidente, assassinato nella sede consolare di Istanbul lo scorso ottobre.

Le indagini si basano sulle registrazioni ambientali che farebbero luce sugli ultimi istanti di vita del reporter. A Khashoggi, 59 anni, potrebbe essere stata somministrata una dose di sedativo prima di essere soffocato con un sacchetto di plastica, si legge.

Agnes Callamard, responsabile per i rapporti speciali sulle esecuzioni extragiudiziali dell'Onu .- REUTERS/Denis Balibouse/File Photo

Callamard conclude che le indagini condotte dall'Arabia Saudita e dalla Turchia non siano da ritenersi conformi agli standard internazionali: non sarebbero state "condotte in buona fede e potrebbero costituire un ostacolo alla giustizia".

Nel documento si chiede la sospensione del processo agli 11 sospetti in Arabia Saudita. Cinque di loro rischiano la pena di morte. L'uccisione di Khashoggi, evidenzia il report, mette in luce quanto siano vulnerabili i dissidenti che hanno cercato riparo all'estero rispetto alle azioni sotto copertura volute dalle autorità nei loro Paesi d'origine. La relazione afferma: "Circa otto mesi dopo l'esecuzione di Khashoggi, la determinazione e l'assegnazione delle responsabilità individuali rimangono oscurate dalla segretezza e dalla mancanza di un giusto processo".

Finora lo Stato saudita non ha mai riconosciuto pubblicamente la propria responsabilità per l'uccisione di Khashoggi né ha presentato le proprie scuse alla famiglia. bin Salman ha incontrato e stretto la mano al figlio del giornalista: il suo volto terrorizzato mentre stringeva la mano al probabile mandante dell'omicidio di suo padre non è passato inosservato a livello internazionale. Ai figli di Jamal Khashoggi è stato offerto un dubbio pacchetto risarcitorio.

La porta del consolato saudita a Istanbul - REUTERS/Murad Sezer

Intanto il ministro degli esteri, Mevlut Cavusoglu, dalla Turchia, paese dal quale Kashoggi non ha fatto più ritorno, dopo essere entrato nel consolato di Riad, ha fatto sapere di sostenere l'indagine della Callimard. Ankara inoltre chiede da tempo l'estradizione dei sospetti assassini, che l'Arabia Saudita ha fermamente negato.