Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia-Cina, la scommessa di Putin

Russia-Cina, la scommessa di Putin
Dimensioni di testo Aa Aa

Al forum internazionale di san Pietroburgo il gigante energetico russo Novatek ha firmato una serie di contratti di fornitura e di costruzione con partner internazionali come la cinese CNPC. Delle tensioni fra Mosca e l'occidente infatti, è proprio Pechino ad approfittatne. Secondo gli analisti i rapporti commerciali fra Russia e Cina appaiono sbilanciati verso la Cina, ma questa al Cremlino è una fake news, come direbbe Donald Trump.

L'amministratore delegato di Novatek afferma invece che: "Questo partenraiato è funzionale al nostro piano d'investimento per l'impianto artico per la liquefazione del gas naturale".

Un riavvicinamento questo di cui sono anche paesi come l'Italia a soffrirne. Appena un anno fa la società italiana Nuovo Pignone, di proprietà dell'americana General Electric, aveva siglato un accordo da 500 milioni di dollari per la fornitura di turbine a gas per la nuova struttura per la liquefazione del gas nella regione artica. Le sanzioni di Trump e dell'Unione europea hanno rimesso tutto in discussione.

E c'è anche un accordo con Huawei.

"Puntiamo a investire nella 5G attraverso una collaborazione con Huawei in 180 paesi. non vediamo grandi rischi e soprattutto non crediamo che le tensioni politiche saranno determinanti. C'interessano gli aspetti razionali dal punto di vista della fattibilità dei network", dice il presidente della compagnia telefonica MTS.

Gli scambi fra Russia e Cina dovrebbero aver superato i 100 miliardi di dollari solo l'anno scorso. Con grande soddisfazione della camera di commercio russa.

Esiste un alto livello d'interazione e oggi il business cerca di rispondere adeguatamente alle opportunità nel mercato cinese. Esse stanno aumentando. La Cina si è e aperta a noi e sappiamo bene come sia complicato riuscire a mettere un piede nel mercato cinese".

Così la nostra corrispondente: "I top manager di Huawei e di Mts vogliono preparare la strada alla 5g, uno degli affari più importanti, ma ce ne sono molti altri. La delegazione cinese comporta un migliaio di membri fra cui molti investitori".