EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Aborto: salva, ancora per qualche giorno, l'ultima clinica in Missouri

Aborto: salva, ancora per qualche giorno, l'ultima clinica in Missouri
Diritti d'autore 
Di Antonio Michele Storto
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A disporre una proroga è stato un giudice, che ha rinnovato la licenza per qualche giorno: in alcuni stati, come l'Alabama, l'aborto sta tornando illegale anche in caso di stupro

PUBBLICITÀ

L**'ultima clinica rimasta a praticare aborti** in tutto lo stato americano del Missouri è salva, perlomeno per qualche altro giorno.  A disporlo è stato Michael Stelzer, giudice che ha accolto il ricorso di Planned Parenthood, l'organizzazione che gestisce la struttura, la cui chiusura avrebbe dovuto scattare alla mezzanotte di sabato, dal momento che - in seguito a presunte irregolarità riscontrare durante un controllo - il dipartimento per la Sanità aveva deciso di non concedere il rinnovo della licenza

Una mossa politica, secondo Planned parenthood, che rientrerebbe nel solco delle restrizioni appena introdotte nello Stato: la scorsa settimana, il governatore Mike Parson aveva firmato una legge che restringe il limite per l'aborto da 22 a 8 settimane di gravidanza

Non si tratta peraltro di un caso isolato: di recente, gli stati di Mississippi, Louisiana, Ohio, Georgia, Missouri, Kentucky, Arkansas, Utah e Iowa hanno introdotto limitazioni più o meno stringenti all' interruzione la gravidanza. Il caso più eclatante è quello dell'Alabama, dove a seguito dell'adozione di una nuova legge, abortire è diventato impossibile - perfino in caso di gravidanza conseguente a stupro - a meno "di un grave pericolo per la vita della madre". 

Se la struttura di Planned parenthood fosse stata chiuse, il Missouri sarebbe rimasto il primo stato americano a trovarsi senza una clinica per aborti operante dal 1973, anno della celebre sentenza ‘Roe v. Wade’ della Corte suprema, che ribaltò la legislazione antiabortista fino ad allora vigente, dando origine all'insanabile diatriba tra "pro-life" e "pro-choice" che da allora non ha mai trovato una vera composizione, con l'attuale presidente Donald Trump che - in vista delle presidenziali del 2020 - è tornato a soffiare sulla polvere antiabortista. 

"Quella di oggi - ha dichiarato David Eisenberg, dirigente medico della clinica - è un'enorme vittoria per il popolo del Missouri, che era sceso in piazza per i nostri pazienti e per medici come me che cercano di fare il proprio lavoro per quanti vivono in questa comunità"  . Una vittoria molto temporanea però: più che bloccare il provvedimento di chiusura, il giudice  Stelzer  ha potuto solo disporre una proroga alla licenza, in attesa della sentenza definitiva in arrivo martedì.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Argentina di nuovo spaccata sull'aborto

Alabama, legge sull'aborto: è forte protesta di associazioni e politici negli USA

Tempesta solare più intesa degli ultimi 21 anni: aurora boreale anche in Italia