Petroliere sabotate: la delicata posizione degli Emirati Arabi Uniti

Petroliere sabotate: la delicata posizione degli Emirati Arabi Uniti
Dimensioni di testo Aa Aa

Le autorità hanno descritto il sabotaggio di quattro petroliere al porto di Fujairah, negli Emirati Arabi Uniti, come un tentativo di minare la sicurezza delle forniture di greggio. Euronews ha parlato con Anwar Gargash, ministro degli Esteri degli Emirati.

"La domanda scottante è: chi è il responsabile degli attacchi alle petroliere nelle acque territoriali degli Emirati Arabi Uniti?", chiede la nostra corrispondente, Rebecca Laughlin-Eastham. "Gli Stati Uniti non hanno esitato a puntare il dito contro l'Iran... ma le vostre indagini, insieme ai francesi e agli americani, sono in corso..."

"Stiamo conducendo un'indagine, la Francia ci sta aiutando e anche gli Stati Uniti stanno cooperando insieme ai nostri organismi nazionali", risponde Gargash. "Quindi non voglio fare speculazioni su questo, davvero, specialmente visto che stiamo entrando in una fase molto delicata nella regione e penso che sarebbe poco saggio da parte miaspeculare. Penso che ciò a cui dobbiamo pensare ora sia la de-escalation. Dobbiamo guardare alla situazione attuale con molta saggezza e prudenza. Quindi, ovviamente, con i risultati dell'indagine, le cose saranno più chiare. Risultati che dovrebbero arrivare entro un paio di giorni".

In merito al fatto che gli Stati Uniti abbiano dichiarato di non volere una guerra, ma hanno schierato navi e aerei da guerra nel Golfo, cosa ne pensa il ministro?

"Ci sono state molte dichiarazioni e risposte a queste dichiarazioni. Se osserviamo le affermazioni iraniane, che fondamentalmente si contraddicono a vicenda, non sono molto d'aiuto agli Emirati, che vorrebbero essere oggettivi e razionali nel sistemare la situazione. Nessuno vuole la guerra, ma dobbiamo anche essere molto chiari. Ci troviamo in questa situazione a causa del comportamento di Teheran nella regione, a causa del loro ruolo da prepotenti nell'interferire negli affari arabi, spesso non riconoscendo che questo loro comportamento ha portato ad alcune delle gravi conseguenze di cui soffrono".

L'attacco si è tenuto in un clima di alta tensione tra Stati Uniti e Iran. Ma Teheran ne ha preso le distanze.