ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Record d'immersione...con plastica

Record d'immersione...con plastica
Diritti d'autore
ATLANTIC PRODUCTIONS FOR DISCOVERY CHANNEL
Dimensioni di testo Aa Aa

Un'impresa sportiva in fondo alla Fossa delle Marianne si trasforma in un allarme ambientale. Victor Vescovo ha infranto il record di immersione in profondità e in solitaria con batiscafo, ma la notizia è che ha trovato una busta di plastica e altri involucri a 10.927 metri di profondità.

"Non è stato del tutto sorprendente, anche se è stato molto triste vedere che la contaminazione umana ha raggiunto il punto più profondo dell'oceano - dice Victor Vescovo - Appena ho toccato il fondo mi è sembrato incontaminato, quasi come un paesaggio lunare e ho visto la vita. Ma mentre continuavo a navigare sul fondo, ho visto quelle che sembravano essere parti di materiali artificiali. Non so se fossero di plastica o di metallo, ma uno di questi oggetti aveva l'aspetto di una lettera stampata. Quindi c'è una contaminazione evidente".

I rifiuti plastici hanno raggiunto proporzioni epidemiche negli oceani, con circa 100 milioni di tonnellate di rifiuti scaricati fino ad oggi, secondo le Nazioni Unite. Ogni anno l'industria continua a produrre oltre 50 milioni di tonnellate del polimero PET, ma solo una piccola parte viene riciclata. La loro capacità di inquinamento è tale da far temere una catastrofe.