ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Road Trip Europe" arriva in Transilvania

"Road Trip Europe" arriva in Transilvania
Dimensioni di testo Aa Aa

Euronews: "Salve a tutti, ci dirigiamo da Brasov verso la Transilvania. Siamo in viaggio da un paio d'ore e stiamo andando in un posto chiamato Székelyland. Gabor, tu sei ungherese e questo posto per te deve apparire più ungherese che rumeno".

Gabor Tanács risponde che si sta parlando "di due paesi e di alcune regioni sono formate da persone di etnia ungherese che vivono perlopiù in Romania".

Damon Embling: "E ho ragione se affermo che vogliano più autonomia?"

Gabor Tanacs: "Queste popolazioni vogliono una maggiore autonomia regionale, economia e culturale, una richiesta che finora è stata frustrata visto che la Romania non sembra d'accordo con questo progetto.

Questi giovani militano in una squadra della città di Miercurea Ciuc. La squadra si chiama Csikszereda, in ungherese. È parte di un'accademia calcistica finanziata dall'Ungheria, si tratta di un'organizzazione dedicata a un grande calciatore del passato Ferenc Puskas.

Zoltán DUSINSZKI, direttore tecnico: "Oltre 50 ragazzi giocano a calcio con noi. Abbiamo creato una comunità in questa località e in tutta la Transilvania."

Barna Baijko capitano Csikszereda Football Club: "Ho amici ungheresi che vivono nella parte rumena del territorio, vicini, figli di amici con cui sono cresciuto. A dire la verità ci sono persone che ti guardano in modo diverso a seconda dell'etnìa ma questo non è un problema per me. Ho imparato ad accettarlo".

Attila CSÜRÖS, giocatore, Csikszereda Football Club: "La situazione è leggermente più difficile per gli ungheresi, perché siamo una minoranza in Romania e tutte le squadre ungheresi vogliono fare il massimo contro di noi"

E questo mentre l'Europa affronta i problemi legati ai nazionalismi montanti e alla lotta contro il multiculturalismo.

Di una qualche autonomia in questi territori si è discusso a lungo nell'a maggioranza ungherse che rappresenta l'80% della comunità locale.

Damon Embling: "Sarebbe meglio se potessimo decidere del nostro destino. Se non dovessimo attendere le decisdioni di Bucarest o Budapest. Se potessimo risolvere i nostri problemi qui. Sarebbe ideale".

Un giovane afferma: "Se ci fosse autonomia qui credo che alcuni ungheresi si chiederebbero, ma cosa state facendo qui? Questo è un territorio solo per ungheresi e voi non parlate ungherese".

Una donna dice: "Non è chiaro, soprattuto per i rumeni, quello che vogliamo. Nessuno glielo ha spiegato. Soprattutto alla gente semplice. Non chiediamo una secessione, non capiscono che cosa sia l'autonomia".

Damon Embling: "Agli ungheresi e ai rumeni qui però appare abbastanza chiaro e sarebbero entusiasti di una politica del genere".

Quello che colpisce Gabor è la volontà della comunità magiara di ottenere un'autonomia economica. E la gente qui dice che i politici non fanno che gettare benzina sul fuoco anziché cercare di risolvere i problemi.

Damon Embling: "E adesso andiamo verso la città di Cluj molto più all'interno della Romania. Continuate a seguirci in questo viaggio attraverso l'Europa ."