Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Colorado: sparatoria in una scuola di Denver

Colorado: sparatoria in una scuola di Denver
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Scene già viste, un déjà-vu dell'orrore: la follia di un giovane e la sparatoria alla STEM School Highlands Ranch, a Denver in Colorado, a soli 8 chilometri dal liceo di Columbine dove nell'aprile del 1999 dodici ragazzi e un insegnante furono uccisi da due studenti dell'istituto. Il bilancio alla STEM è di una vittima e otto altri studenti feriti.

Lo sceriffo locale, Tony Spurlock, ha parlato di un quadro chiaro, almeno per quel che riguarda i presunti responsabili della sparatoria. "Stiamo rallentando tutto in questo momento - ha detto Spurlock - sappiamo di non avere altri sospetti. Abbiamo tutte le persone coinvolte perciò cercheremo di concentrarci sull'elaborazione della scena del crimine, occupandoci di coloro che sono stati feriti e indagando sul movente".

Due studenti sono stati arrestati. Il presunto autore dell'attacco è un ragazzo di 18 anni, Devon Erickson, fermato insieme a un minorenne. Frequentavano la scuola, presa d'assalto.

Il racconto di Chris Elledge, 15 anni, studente della STEM School: "Ci hanno detto di stare al sicuro e di rimanere nascosti. Il nostro insegnante ci ha raccomandato di nasconderci dietro le attrezzature della stanza in cui ci trovavamo. Così siamo rimasti nascosti lì sino a quando sono arrivati i poliziotti. Hanno fatto irruzione nella stanza. E ci anno chiesto se c'erano sospetti, se stavamo bene. Poi ci hanno scortato fuori, per uscire di fronte all'edificio".

Le statistiche fotografano una realtà drammatica: i numeri dicono che in Colorado si è consumata la 115esima sparatoria di massa negli Stati Uniti.