ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pestato a morte: 19enne confessa

Pestato a morte: 19enne confessa
Uno dei fermati racconta, "urlava implorando di stare fermi"
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) - TARANTO, 01 MAG - "Urlava implorando con disperazione: state fermi, state fermi". Uno degli otto ragazzi sottoposti a fermo ieri dalla Polizia nell'ambito delle indagini sulla morte di Antonio Stano, il 66enne di Manduria picchiato, rapinato e bullizzato da gruppi di giovani, nei giorni scorsi è stato ascoltato dagli investigatori e ha ammesso di aver partecipato, pur non avendo avuto un ruolo attivo, ad alcune delle aggressioni. Ha 19 anni ed è uno dei due maggiorenni coinvolti. A lui si arrivati grazie all'auto notata dai vicini di casa di Stano durante uno dei raid contro il pensionato. Il giovane ha descritto tre episodi di pesanti violenze, aggressioni, insulti, contro Stano, riferendo che le prime due sono state filmate con il suo cellulare da un altro indagato e trasmesse on line.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.