Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Il Corridoio di Lobito: un treno per lo sviluppo

Il Corridoio di Lobito: un treno per lo sviluppo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Nell'Africa meridionale, quando una compagnia mineraria vuole trasportare le sue merci verso il mare, può scegliere se andare a est, a Dar es Salaam, Beira o Durban, in un viaggio che può durare fino a tre settimane; oppure attraversare l'Angola a ovest per raggiungere Lobito. La ricostruzione di una ferrovia lunga oltre 1.300 chilometri ha ridotto il tempo di viaggio a pochi giorni. In quest'episodio di Business Angola, esploriamo il potenziale d'investimento dovuto alla ricostruzione di una delle ferrovie storiche del continente africano: il Corridoio di Lobito.

Un carico di rame è appena arrivato dalla Repubblica democratica del Congo per dirigersi verso Lobito. Accanto a esso ci sono vagoni vuoti che aspettano di essere riportati indietro. Aspettiamo sul confine che la prossima locomotiva venga a prenderli. Al di là del confine c'è la provincia del Katanga, ricca di minerali, in particolare il cobalto, elemento che potete trovare nei vostri telefoni cellulari.

In origine la ferrovia fu costruita dall'ingegnere ed esploratore scozzese Sir Robert Williams, scopritore di enormi depositi di rame nella provincia del Katanga, che ottenne una concessione di 99 anni. La ferrovia fu completata nel 1929. Tornata proprietà dello Stato angolano nel 2001, è stata ricostruita da una compagnia cinese al costo di 2,3 miliardi di euro e inaugurata nel 2015. Le locomotive sono della General Electric mentre i vagoni sono cinesi.

Il presidente della ferrovia, Luís Lopes Teixeira, svela che intendono estendere la linea fino in Zambia. Il progetto è ambizioso, dice: "Attualmente abbiamo due treni ogni 15 giorni, e stiamo lavorando per avere tre, quattro o anche cinque treni al giorno. I settori che potrebbero beneficiare della linea ferroviaria di Benguela sono i settori dell'agricoltura, dell'industria, della costruzione e la creazione di nuove imprese".

Ecco perché a Luanda la società di logistica Early Green si sta sfregando le mani al pensiero del Corridoio di Lobito. Il direttore delle operazioni Sérgio Chambel spiega: "Si può guadagnare molto tempo usando il Corridoio di Lobito. Noi siamo molto vicini alle più importanti miniere congolesi, al di là del confine. È molto, molto facile".

Una boccata d'ossigeno per imprese grandi e piccole, in entrambe le direzioni. C'è anche il potenziale per carichi più massicci provenienti da tutta l'Africa meridionale. E anche i cittadini comuni ne stanno beneficiando. Qui nella provincia di Benguela che include Lobito, e nella regione vicina, commercianti e viaggiatori usano molto la ferrovia. Jon Schubert, un antropologo specializzato nell'Angola, conclude: "In questa remota parte dell'est del paese finora non c'erano collegamenti stradali, e la ferrovia ora consente agli angolani di trasportare i loro prodotti agricoli, venderli sul treno, nei comuni limitrofi, nelle province vicine... Il potenziale qui è davvero enorme. Se qui ci fosse un'industria trasformativa o agricola, potrebbero usare la ferrovia per portare i prodotti nelle città, sulla costa e anche esportarli".