ULTIM'ORA

Russia: petrolio contaminato, tre Paesi chiudono i rubinetti all''oleodotto dell'amicizia'

Russia: petrolio contaminato, tre Paesi chiudono i rubinetti all''oleodotto dell'amicizia'
Diritti d'autore
REUTERS/Kacper Pempel
Dimensioni di testo Aa Aa

Con i suoi 4mila km è l'oleodotto più lungo del mondo e dalla Russia rifornisce i Paesi dell'ex blocco sovietico ed europei, fino alla Germania. Ma di recente il Nefteprovod Druzhba, l'"oleodotto dell'amicizia", sembra più che altro diventato della discordia. Il motivo è una presenza troppo alta di cloruri nel petrolio, che ha costretto Germania, Polonia e Ucraina a chiudere i rubinetti, tagliando le forniture a cascata anche a Slovacchia, Repubblica Ceca e Ungheria.

Il 25 apile a Minsk, il ministro dell'energia russo Pavel Sorokin ha cercato di rassicurare le autorità polacche, ucraine e bielorusse. Proprio i padroni di casa hanno dichiarato di aver subito un danno da 100 milioni di dollari, mentre secondo gli analisti le forniture alternative non bastano a coprire l'intero fabbisogno degli importatori.

Il dicloroetano è usato per potenziare l'estrazione di petrolio, ma va poi separato dal greggio, per non rischiare danni agli impianti di raffinazione. Mosca ha assicurato che interverrà per ripristinare la qualità del petrolio, ma senza specificare nessuna tempistica.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.