EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Nuova Zelanda, il progetto della Premier contro l'estremismo sui social

 Nuova Zelanda, il progetto della Premier contro l'estremismo sui social
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A poco più di un mese dalla strage di Christchurch, la Premier neozelandese Jacinda Ardern torna sul caso

PUBBLICITÀ

È stato ribattezzato "Christchurch call" il progetto pensato dalla Premier neozelandese, Jacinda Ardern, per eliminare i contenuti violenti dalle piattaforme digitali.

All’indomani degli attacchi in Nuova Zelanda e Sri Lanka, la Premier annuncia un incontro a Parigi il prossimo 15 maggio con Emmanuel Macron, per trovare una strada comune nella lotta al terrorismo e all’estremismo in rete.

Prevenire è meglio che curare

"Il nostro piano è fare in modo che si cerchi unità attorno a questo problema - dice il Primo Ministro - pur mantenendo, naturalmente, i principi di un internet libero, aperto e sicuro: non si tratta della libertà di espressione, ma di prevenire l'estremismo violento e il terrorismo online, non credo che qualcuno sostenga che l'attentatore del 15 marzo scorso aveva il diritto di vivere in diretta l'omicidio di 50 persone, questo è ciò su cui il progetto è focalizzato".

Sul banco degli imputati c’è Facebook, che il Commissario per la Privacy neozelandese, John Edwards, ha definito "bugiardo e moralmente in bancarotta".

La Ardern sottolinea il ruolo dei social nella diffusione di contenuti di odio e propaganda estremista, spiegando di aver già parlato con gli Amministratori dei colossi del tech ed evidenziando come Francia, Irlanda, Nuova Zelanda e Germania già dispongano di una legislazione su internet.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nuova Zelanda: al via le commemorazioni per lo sbarco di James Cook

Sri Lanka: attacchi in rappresaglia a quelli in Nuova Zelanda, ISIS rivendica

Nuova Zelanda: omaggio ai morti di Christchurch