ULTIM'ORA

Rapporto Mueller: "Game Over" per Trump, ma i Dem attaccano

Rapporto Mueller: "Game Over" per Trump, ma i Dem attaccano
Diritti d'autore
REUTERS
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il "Rapporto Mueller" appena pubblicato cita testualmente: "Nessuna prova di collusionetra il comitato elettorale di Donald Trump e la Russia per interferire nelle elezioni presidenziali del 2016". Il presidente degli Stati Uniti ha raggiunto la Florida per le vacanze di Pasqua ed ha lasciato la Casa Bianca con un tweet nel quale si legge un esplicativo: "Game Over". Anche se leggendo tra le righe delle 400 pagine del rapporto sembra non essere proprio cosi. In un passaggio si legge che "questo rapporto non conclude che il Presidente abbia commesso un crimine, ma nello stesso tempo non lo assolve".


IL TWEET DI DONALD TRUMP


Adam SChiff, Commissione Intelligence Camera

"Beh, certamente non è un" game over "nel senso che c'è molto di più che dobbiamo sapere oltre a quello che è stato redatto in questo rapporto Trump non è stato accusato di collusione da Mueller, ma il nodo da sciogliere è ora un suo possibile ostacolo alla giustizia, suo e dei suoi collaboratori".

I Democratici, quindi, affilano le armi e ipotizzano che il Rapporto Mueller possa aprire la strada ad un "impeachment" del Presidente

Juliet Sorensen, Northwestern University Pritzker School of Law
"Questo rapporto mi indica che nella migliore delle ipotesi abbiamo un individuo disonesto e egoista alla Casa Bianca che non agisce nel migliore interesse degli Stati Uniti, nel peggiore dei casi è un individuo che ha effettivamente violato le leggi penali".

I Dem criticano anche il Procuratore Generale William Barr Barr, che ha ammesso di non essere d'accordo con alcune delle "tesi legali" di Mueller ed ha difeso Trump sostenendo che era sotto pressione "da parte dei pubblici ministeri federali"

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.