Violenza donne: dubbi 5s su castrazione

Violenza donne: dubbi 5s su castrazione
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Spunta il nodo dell'emendamento leghista sull'introduzione - in alcuni casi - della castrazione chimica nel ddl "Codice rosso". Sulla proposta della Lega, infatti, sono diversi i dubbi del M5S. E alcune fonti parlamentari del Movimento contestano il merito e il metodo della proposta. Sul ddl, spiegano, "è stato fatto un bel lavoro di squadra, una sintesi costruttiva partendo da un testo base che era leghista, che motivo c'era di introdurre quest'emendamento?". "Noi non prendiamo in giro le donne - è quanto sottolinea fonti della maggioranza M5S -. Quello della Lega è infatti un emendamento applicabile nei casi in cui è prevista la condizionale. Questo significa che si applica solo a reati minori, dove appunto si prevede la condizionale, come il palpeggiamento ad esempio e non ha senso". "Così è una presa in giro alle donne, si sfrutta la loro paura per fare campagna", sottolinea il MS5.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Vendetta, geopolitica e ideologia: perché l'Iran ha attaccato Israele

Gaza, Hamas rifiuta la proposta israeliana di cessate il fuoco e difende Teheran: Attacco meritato

Europee, i conservatori francesi fanno campagna elettorale sull'immigrazione al confine italiano