EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Impossibile manifestare in Nicaragua. Polizia reprime gli oppositori

Impossibile manifestare in Nicaragua. Polizia reprime gli oppositori
Diritti d'autore 
Di Cinzia Rizzi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le forze dell'ordine si sono scagliate violentemente contro giornalisti e persone, che volevano manifestare contro il governo di Ortega. Centinaia di arresti

PUBBLICITÀ

Le forze antisommossa se la sono presa in modo violento contro diversi giornalisti e oppositori del governo, sabato a Managua, in Nicaragua. Oltre 50 persone sono state arrestate, mentre si preparavano a manifestare contro il presidente Daniel Ortega e per il rilascio di tutti i "prigionieri politici". Tra gli arrestati, sono finiti in manette anche alcuni rappresentanti dell'Alleanza civica, che partecipano ai negoziati tra governo e opposizione.

"Siamo dalla parte dei prigionieri politici, vogliamo la loro liberazione, perché non abbiamo paura", dichiara una manifestante. "Mostreremo a Ortega che le persone non hanno paura. Lunga vita a un Nicaragua libero".

La sfida alla legge che vieta di manifestare

Si trattava della prima volta in tre mesi che gli oppositori provavano a scendere in piazza, sfidando il divieto imposto dalla polizia, che ha applicato la controversa legge, approvata lo scorso novembre, che impedisce ai nicaraguensi di manifestare senza l'autorizzazione delle autorità.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia, in partenza per l'India l'aereo bloccato da giorni per sospetto traffico di esseri umani

La preghiera del Papa per il Nicaragua

Gioielli d'arte sacra di Luigi Valadier scoperti in Nicaragua