ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rombano i motori, per le 40 candeline di Valentino Rossi

Rombano i motori, per le 40 candeline di Valentino Rossi
@ Copyright :
REUTERS/Gonzalo Fuentes
Dimensioni di testo Aa Aa

Sembra impossibile che Valentino Rossi, con quella sua aria sbarazzina da eterno Peter Pan, compia oggi 40 anni.
Però la carta d'identità parla chiaro: 16 febbraio 1979.

Auguri, ragazzo di Tavullia!

40 anni, 40 candeline. Ma per noi rimane sempre il ragazzo di Tavullia, che cominciò a vincere appena sbarcato nel Motomondiale, già dalla classe 125, poi - titolo dopo titolo - nella 250, nella 500 e, infine, nella MotoGp.

Un palmares da "marziano"

Anche il suo curriculum straordinario parla chiaro: 9 titoli di campione del mondo (6 nella MotoGp e uno ciascuno in 500, 250, 125, l'unico ad aver vinto in tutte le categorie) e 115 vittorie, secondo solo all'altro fenomeno del motociclismo italiano e mondiale, Giacomo Agostini.

Ma i numeri, da solo, non bastano a spiegare il Fenomeno "Dottore".

Tomba, Valentino, Pantani: che trio da leggenda

Un personaggio spontaneo, spesso bonariamente sopra le righe, un "Valentino nazionale" patrimonio di tutti gli italiani, senza nemmeno bisogno di usare un cognome cos```i normale per un campione assolutamente fuori dal comune.

Negli ultimi 30 anni, in Italia, solo Alberto Tomba e Marco Pantani hanno raggiunto una popolarità e un tifo "da leggenda" come Valentino Rossi.

Italiano in tutto e per tutto

Italiano in tutto e per tutto, in qualche piccola caduta di stile (ricordate il caso dell'evasione fiscale e del "patteggiamento" con il fisco? Oppure, sportivamente parlando, le stagioni deludenti alla Ducati?), ma a cui gli italiani - e non solo gli appassionati di motori - hanno sempre perdonato, continuando a tifare per lui, ogni domenica, su ogni circuito, con l'apoteosi del tifo "nazional-popolare" in quel novembre del 2015, a Valencia, quando il sogno del decimo titolo mondiale di Valentino fu spezzato dal diabolico duo spagnolo Lorenzo-Marquez.

Ma il sogno del numero 46 di conquistare il titolo numero 10 continua: ci riproverà anche quest'anno, Valentino, in sella alla sua Yamaha, che nel 2019 gli piace ancor di pi`ù perchè è color nero e azzurro, proprio come la sua amata Inter.

Perchè il 46?

Fin dagli esordi, Valentino ha sempre usato il numero 46, anche nelle annate in cui ha avuto la possibilità di sfoggiare il numero 1 di campione in carica: il 46 era il numero utilizzato nel Motomondiale sia dal padre,Graziano Rossi, sia da un pilota giapponese di cui era molto appassionato, Norifumi Abe. Da quest'ultimo Rossi prese spunto per il suo primo soprannome, "Rossifumi".

A caccia del titolo numero 10

Ci proverà ancora, Valentino, a vincere il decimo titolo mondiale.
Prima magari di pensare al futuro, forse come manager di una sua scuderia (ha già una avviatissima Accademia) o magari di un team di rally, un'altra sua grande passione.

Ci proverà ancora. Sempre con il suo sorriso da quarantenne stampato sul viso giovanile e quel suo accento più romagnolo che marchigiano, a dispetto della sua residenza tavulliese.

E, tra i tanti tweet che ha ricevuto in questo suo giorno speciale, Valentino Rossi apprezzerà sicuramente questo, dell'Inter, che lo raffigura, forse poco meno di vent'anni fa, in compagnia del suo idolo Ronaldo.

Lui che è diventato l'idolo di milioni di giovani e meno giovani.
Quelli che avrebbero voluto essere semplicemente come lui.
Come Valentino.