ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Dopo mareggiata allarme turismo Tigullio

Dopo mareggiata allarme turismo Tigullio
Albergatori, immagini fatto giro mondo. Regione, raddoppio fondi
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – GENOVA, 9 FEB – E’ allarme turismo nel Golfo del
Tigullio. Le prenotazioni turistiche per il 2019 a Portofino,
S.Margherita e Rapallo sono quasi dimezzate: “C‘è un calo del
35-40%” dice il presidente di Ugal (Federalberghi) Aldo Werdin.
Un crollo che annuncia una stagione a rischio. “Dall’estero
soprattutto le prenotazioni sono quasi ferme” aggiunge Adalberto
Gigli, presidente degli albergatori di S.Margherita-Portofino.
C’erano già segnali di frenata ma la mareggiata di ottobre ha
dato il colpo di grazia con le immagini di yacht distrutti,
spiagge devastate e Portofino isolata. “E’ stata una bastonata
micidiale” dice Gigli. La cura? Promozione per cancellare le
foto della devastazione. E certezze sulla apertura della strada
di Portofino per dare risposte agli agenti che chiamano
dall’America. “Al Festival trasmettiamo la cartolina con le
immagini della Liguria, alla Bit ci sarà Portofino per
cancellare le immagini della devastazione” dice l’assessore
Gianni Berrino: “Abbiamo raddoppiato i fondi per la promozione
turistica”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.