EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Messico: 79 i morti durante il furto di carburante, tanti i dispersi

Messico: 79 i morti durante il furto di carburante, tanti i dispersi
Diritti d'autore 
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Si chiama “huachicol”la pratica molto diffusa del furto di carburante. Massivo, intorno alla capitale messicana. Gli impressionanti dati...

PUBBLICITÀ

Morti bruciati in un attimo, travolti da un'esplosione. È successo a qualche decina di chilometri da città delMessico a Tlahuelilpan, dove un oleodotto della compagnia petrolifera statale Pemex, il Tuxpan-Tula, è scoppiato all'improvviso facendo 79 morti, decine di feriti e tanti dispersi, che le famiglie cercano disperatamente negli ospedali della regione.

L'incidente è avvenuto venerdì due ore dopo l'apertura della condotta per il furto. La compagnia petrolifera ha confermato che lo scoppio è stato "a seguito di una maldestra manipolazione di persone impegnate a rubare combustibile", che siano coloro che per primi hanno rotto la condotta, che siano quelli arrivati dopo, è da capire. Fatto sta che una volta che il carburante ha iniziato a fuoriuscire decine e decine di persone hanno approfittato per riempire taniche di carburante. Dopo due ore l'esplosione e il drammatico esito.

La pratica del furto di carburante

La pratica di furto del carburante si chiama huachicol.

Secondo dati ufficiali negli ultimi due anni città del Messico è diventata uno dei principali mercati di combustibile rubato. Stando ai dati delle autorità cittadine ben 400000 barili sono stati sottratti nel 2018 dalle condotte intorno alla capitale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna: crolla la terrazza di un ristorante a Maiorca, morti e feriti

Turbolenza volo Londra-Singapore, un morto e decine di feriti: Boeing colpito da fenomeno noto come Cat

Iran, cosa succederà con la morte del presidente Ebrahim Raisi