L'ex presidente ivoriano Gbagbo resta in carcere

L'ex presidente ivoriano Gbagbo resta in carcere
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Lo ha deciso la Corte Penale Internazionale. Era accusato di crimini contro l'umanità.

PUBBLICITÀ

La Corte Penale Internazionale ha sospeso il rilascio dell'ex presidente ivoriano Laurent Gbagbo.

La decisione è arrivata dopo l'appello del pubblico ministero, seguito all'assoluzione dell'ex leader politico, accusato di crimini contro l'umanità.

I giudici avevano in precedenza deciso la sua liberazione, così come quella del suo braccio destro Charles Blé Goudé, ex capo del movimento dei giovani patrioti. Ma, secondo la Corte, i due uomini devono ora "rimanere in custodia cautelare in attesa della decisione della camera d'appello sul ricorso del pm".

Primo presidente posto agli arresti dalla Corte Penale Internazionale, da sette anni in regime di detenzione, Gbagbo era accusato di omicidio, stupro, persecuzione e altri atti disumani, riconducibili al periodo tra il 2010/2011, quando l'attuale presidente Ouattara vinse le elezioni: una vittoria mai riconosciuta dallo sconfitto Gbagbo, che trascinò il Paese in una sanguinosa guerra civile.

Per tutti i capi d'accusa l'ex presidente ivoriano e il suo braccio destro sono stati dichiarati non colpevoli, ma per ora restano in carcere.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Crimini contro l'umanità, nuove accuse per GBagbo

Costa d'Avorio, il presidente Ouattara grazia la ex première dame Gbagbo

Iniziato il processo all'Aja a Laurent Gbagbo