EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Barcellona: arriva Sánchez, indipendentisti in piazza

Barcellona: arriva Sánchez, indipendentisti in piazza
Diritti d'autore REUTERS/Susana Vera
Diritti d'autore REUTERS/Susana Vera
Di Stefania De Michele
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nel capoluogo catalano la riunione del Consiglio dei Ministri.

PUBBLICITÀ

Tutto secondo copione: il premier spagnolo Pedro Sánchez è arrivato a Barcellona per il Consiglio dei Ministri, convocato nella città catalana, scossa dagli scontri in strada tra gli agenti dei Mossos d'Esquadra e gli indipendentisti.

Nello stesso giorno di due anni fa Ciudadanos - il principale partito unionista - aveva ottenuto la maggioranza dei voti in Parlamento: un pronunciamento voluto dall'allora primo ministro Rajoy per scongiurare la dichiarazione unilaterale di indipendenza della Catalogna.

Resta dunque tesa la situazione nel capoluogo catalano: prima dell'arrivo di Sánchez, i Mossos hanno sequestrato materiale per la fabbricazione di bombe molotov.

Nella città blindata da circa 9.000 poliziotti, l'esecutivo - che ha aperto i lavori del sedicesimo Consiglio lontano da Madrid con la "photo family" - ha in agenda l'aumento a 900 euro del salario minimo e anche l'incremento di poco più del 2 per cento dello stipendio dei dipendenti pubblici.

All'ordine del giorno anche alcune misure indirizzate proprio alla Catalogna nel settore delle infrastrutture e degli investimenti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Barcellona: la protesta dei separatisti contro il governo

Catalogna, il governo Sanchez cerca il dialogo con scelte simboliche

Alta tensione a Barcellona in vista del Consiglio dei Ministri indetto da Sánchez