EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Polonia: la "purga" dei giudici non passa

Polonia: la "purga" dei giudici non passa
Diritti d'autore Reuters
Diritti d'autore Reuters
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Reintegrati i magistrati della Corte suprema costretti a lasciare in anticipo per una decisione del governo

PUBBLICITÀ

Marcia indietro del governo polacco sulla pensione anticipata dei giudici della Corte suprema. Dopo la bocciatura della Corte di giustizia dell'Unione europea il governo polacco si è trovato costretto a reintegrare una ventina di giudici, mandati in pensione a 65 anni invece che a 70. Una misura considerata un modo per controllare la Corte con la nomina di magistrati filo-governativi, che aveva causato molte proteste nel Paese.

Il governo aveva mostrato la riforma come un tentativo di innovare il sistema giudiziario rimasto inalterato dai tempi del comunismo, ma i polacchi non ci sono cascati.

Reuters
Malgorzata GersdorfReuters

Quella che vedete nelle immagini è, Malgorzata Gersdorf, Presidente della Corte suprema che ha rifiutato di lasciare l'incarico e che è diventata il simbolo della protesta.

E così la purga, come è stata soprannominata, non è passata e i giudici potranno ritornare al lavoro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Ue vuole multare la Polonia: Non rispetta sentenza europea sull'autonomia della magistratura

La corte di Strasburgo boccia la riforma della giustizia polacca

Polonia: riforma della Giustizia sarà cambiata come richiesto da UE