EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Il futuro nel vino

Il futuro nel vino
Diritti d'autore 
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Francia arriva il primo autobus che viaggia con il bioetanolo ricavato dalle vendemmie

PUBBLICITÀ

Il vino pare faccia bene non solo a chi lo beve, con moderazione, ma anche a chi lo respira.

In Francia, nella regione dell’Aquitania, arriva il primo autobus che viaggia con il bioetanolo ricavato da quello che resta dalle vendemmie. Proprio così. E al costo di 85 centesimi al litro. L’idea green e innovativa ha attirato l’attenzione di un'azienda della Gironda che sta lavorando per produrre grandi quantità di bioetanolo, come ci spiega il Direttore Jérome Dudua: “La vinaccia viene trasformata in alcol grezzo e quindi distillata e disidratata per ottenere un combustibile che inquina pochissimo: meno 95% di emissioni di CO2 e meno 50% di monossido di carbonio praticamente nessuna particella."

Una novità assoluta, dopo ben 8 anni di test e ricerche, che ha lasciato passeggeri e autisti, sorpresi ma anche incuriositi. Secondo Renaud Lagrave vicepresidente della regione dell'Aquitania al momento si sta testando la vinaccia, in futuro si proverà con l'idrogeno o altre tecnologie. Obiettivo fare a meno del diesel.

Forse il trasporto del futuro sarà davvero eco-friendly.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Clima: vini a rischio per il riscaldamento globale

La battaglia del Prosecco. I produttori chiedono lo stop ai vigneti Docg dal primo agosto