Barcellona-Real Madrid: un grande "Clasico" anche senza Messi e CR7

Barcellona-Real Madrid: un grande "Clasico" anche senza Messi e CR7
Di Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

E' il "Clasico" per eccellenza del calcio spagnolo e internazionale: Barcellona contro Real Madrid. Per la prima volta dopo tanti anni senza Messi, infortunato, e senza Cristiano Ronaldo, passato alla Juventus. Ma è pur sempre una partita attesissima. A rischio Lopetegui. E Suárez è pronto a mordere

PUBBLICITÀ

BARCELLONA (SPAGNA)

Anche se l'altra metà calcistica di Barcellona, l'Espanyol, è incredibilmente in testa alla classifica della Liga spagnola proprio insieme al Barca, il cuore della Catalogna batte per il Barcellona: e il vero e unico "Clasico" è quello che si gioca contro il Real MadrId domenica pomeriggio (28 ottobre) alle 16.15 al Camp Nou.

REUTERS/Albert Gea
Gruppo del Barcellona in allenamento. Di buon umore.REUTERS/Albert Gea

Senza Leo e senza CR7

Un "Clasico" senza Leo Messi, infortunato al radio del braccio (non mancava una sfida Barça-Real dal 2007) e, ovviamente, senza Cristiano Ronaldo, ma pur sempre un "Clasico" del calcio internazionale, non solo di quello spagnolo.
E' il "Clasico" numero 237: in totale 95 vittorie del Real, 92 del Barcellona e 50 pareggi.

E' semplicemente 'El Clasico'

"Devi tener conto degli ultimi risultati delle squadre, certo, ma i Clasicos sono Clasicos e non penso che nessuno penserà allo stato emotivo dell'altro o che l'altra squadra non ha giocato bene e gli altri stanno facendo meglio. NIente di tutto questo. È semplicemente 'El Clasico'", dichiara l'attaccante uruguaiano del Barcellona Luis Suárez.

Luis Suárez nell'intervista alla tv tematica del Barcellona.

Lopetegui sulla graticola

La pressione è tutta sul Real Madrid e sul suo tecnico Julen Lopetegui, a rischio esonero in caso di un'altra sconfitta, dopo l'1-2 con il Levante e il modesto "brodino" in Champions League.

REUTERS/Juan Medina
Lopetegui, un uomo solo.REUTERS/Juan Medina

Biglietti falsi e biglietti salati

Ma anche il Barcellona ha i suoi grattacapi: la società è scossa dall'Operazione "Duarte", un'indagine che coinvolge il club in un presunto traffico di biglietti falsi, di cui il Barça potrebbe essere persino vittima (o complice?).

L'Operazione "Duarte" è condotta dalla Guardia Civil spagnola e ha portato nelle scorse ore all'arresto di dieci persone.
Il reato imputato è la produzione di 2822 biglietti falsi, realizzati attraverso la scansione del codice QR degli abbonamenti di altrettanti sostenitori del Barcellona (il cui abbonamento era stato sospeso in estate) per l'ultimo "Clasico" giocato al Camp Nou, quello dello scorso 6 maggio.

Eppure i biglietti veri sono carissimi: fino a 499 euro per una tribuna al Camp Nou.
"El Clasico" pIû costoso di sempre.

Aggiornamento dopo la partita

BARCELLONA - REAL MADRID 5-1

MARCATORI: 11′ Coutinho, 30′ rig. Suarez, 50′ Marcelo, 75′, 83′ Suarez, 87′ Vidal

BARCELLONA (4-3-3): Ter Stegen; Sergi Roberto, Piqué, Lenglet, Jordi Alba; Rakitic, Busquets, Arthur (84′ Vidal); Rafinha (69′ Semedo), Suarez, Coutinho (74′ Dembélé). A disposizione: Cillessen, Semedo, Dembélé, Malcom, Munir, Vidal, Chumi. Allenatore: Ernesto Valverde.

REAL MADRID (4-3-3): Courtois; Nacho, Varane (46′ Lucas Vasquez), Sergio Ramos, Marcelo (82′ Mariano); Kroos, Casemiro, Modric; Bale (78′ Asensio), Benzema, Isco. A disposizione: Keylor Navas, Mariano, Valverde, L. Vasquez, Odriozola, Asensio, Ceballos. Allenatore: Julen Lopetegui.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Barcellona: ex Presidente Rosell in libertà vigilata

Calcio: il Barcellona affonda il Real per 5 a 1

Calcio, lkay Gündoğan si trasferisce al Barcellona