Approvata la manovra, c'è anche il mini-condono fiscale

Approvata la manovra, c'è anche il mini-condono fiscale
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A sera il governo approva manovra e decreto fiscale. Sì alla pace fiscale con tetto a 100mila euro. Sì al taglio delle pensioni oltre 4.500 euro netti, alla flat tax parziale, al reddito di cittadinanza e a quota 100

PUBBLICITÀ

Ventiquattro ore di passione con tre vertici di maggioranza, i big ai ferri corti, infine il consiglio dei ministri pomeridiano, che approva il decreto fiscale e la manovra. "Siamo pronti a mandarlo a Bruxelles", dice il presidente del consiglio Giuseppe Conte a tarda sera, inviandolo nei tempi, dunque, entro il 15 ottobre.

APPROVATI MANOVRA E DECRETO FISCALE, IL CONTENUTO

Dentro c'è quello che era stato promesso. Anche la pace fiscale, o condono fiscale, che ha fatto litigare la maggioranza giallo-verde fino all'ultimo.

Alla fine vince l'anima rigorista del M5S: si potrà sanare la propria posizione presentando una dichiarazione integrativa su cui ci sarà una tassazione al 20% ma il tetto, onde evitare di fare un favore ai grandi evasori, è fissato a 100mila euro.

La manovra come anticipato prevede anche il reddito di cittadinanza, che dovrebbe partire a marzo, la flat tax per le partite IVA fino a 65mila euro, la sterilizzazione dell'aumento dell'IVA e un grande capitolo pensioni con il taglio degli assegni sopra i 4.500 euro netti al mese che frutterà un miliardo di risparmi in tre anni. Da febbraio l'introduzione della contestata quota 100, cioè in pensione con 62 anni d'età e 38 di contributi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Governo, approvato il Draft Budgetary Plan. Ora la palla passa a Bruxelles

Boeri: "Quota 100? È ingiusta. Dopo l'INPS? Torno dai miei studenti..."

Economia italiana, la più lenta del G7