EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Le Seychelles, "Paradiso Terrestre" senza plastica

Le Seychelles, "Paradiso Terrestre" senza plastica
Diritti d'autore 
Di Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Che belle, le Seychelles, meta turistica di lusso nell'Oceano Indiano. E adesso pure *plastic free": vietati tutti gli oggetti in plastica...

PUBBLICITÀ

Le Seychelles, l'arcipelago senza plastica.
La perla del turismo di lusso, che si trova nell'Oceano Indiano, è diventata la paladino della lotta alla plastica.

"Plastic free"

Un anno fa, sulle isole, infatti, è iniziata una campagna contro l'utilizzo della plastica: prima vietate le bottigliette, poi le borse di plastiche, le posate, i bicchieri, le tazze, i vassoi, gli imballaggi in polistirolo, e ora saranno vietate persino le cannucce in plastica.

Sherin Francis, Presidente dell'Ente turistico delle Seychelles.

La presidente dell'ente turistico delle Seychelles, Sherin Francis, ci spiega l'impatto di queste iniziative.

"Un business alternativo"

"È stata fatta un'intensa campagna da parte del governo sul tema, e quindi in modo abbastanza naturale molte persone si sono mosse e hanno iniziato a guardare a nuove opportunità di fare affari con l'importazione di oggetti d'uso comune più eco-compatibili, ma anche alcune aziende già esistenti che importavano sacchetti di plastica si sono riorientate su prodotti alternativi".

A differenza di altre isole turistiche, come le Maldive o la Mauritius, le Seychelles hanno prezzi volutamente più alti ed un clientela di livello superiore.

Ecco le Seychelles...

"Non siamo per il turismo di massa"

"Quando parlo di arrivi turistici", continua Sherin Francis, "bisogna capire che noi non siamo una destinazione turistica di massa, non cerchiamo grosse cifre di visitatori sull'anno. L'anno scorso abbiamo avuto 350 mila turisti, e per noi è già un grande risultato avere queste cifre.
In fin dei conti noi siamo molto piccoli, quello che vogliamo è che l'industria del turismo continui a crescere, in modo che possa sorreggere la nostra economia e la crescita del paese, ma idealmente, se potessimo ricavare di più da ogni turista in arrivo sarebbe anche meglio per noi, perché avremmo minor impatto sull'ambiente
".

Le migliori risorse delle Seychelles, del resto, sono i 210.000 kmq, di Oceano Indiano (per intenderci, la superficie della Gran Bretagna), tutti da preservare.**

Solo cosi potranno restare quel "Paradiso Terrestre" da tanti sognato...

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tracce di microplastica nelle feci dei pazienti di uno studio

Le Seychelles, il "no" alla plastica e il turismo d'élite