ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La scomparsa di Khashoggi: nessuna notizia del giornalista

Lettura in corso:

La scomparsa di Khashoggi: nessuna notizia del giornalista

La scomparsa di Khashoggi: nessuna notizia del giornalista
Dimensioni di testo Aa Aa

Una foto, forse l'ultima, di Jamal Khashoggi mentre entra nel Consolato saudita di Istanbul il 2 ottobre scorso per ottenere dei documenti.

Nessuno l'ha più visto uscire, non ci sono scatti a certificare che il giornalista sia andato via.

Molto critico nei confronti di Riad, Khashoggi non si è mai sottratto a editoriali di denuncia nei confronti di Mohammad bin Salman, principe saudita: un'opposizione che ha portato il giornalista - che ha trovato voce con i suoi articoli sul Washington Post - in esilio volontario negli Stati Uniti.

Alcune organizzazioni per i diritti civili hanno organizzato un presidio davanti al Consolato per chiedere la verità sulla sorte di Khashoggi.

Tra le ipotesi avanzate, quella che il giornalista sia stato narcotizzato all'interno del Consolato, ucciso e poi fatto sparire. Persino il presidente turco Erdogan, in visita a Budapest, ha sollecitato risposte e prove evidenti dell'estraneità dei funzionari sauditi nella sparizione.

"Il Consolato - ha detto Erdogan - non può salvarsi semplicemente dicendo che è partito, devono piuttosto produrre delle prove concrete".

Per voce di Federica Mogherini, Alto Rappresentante per gli Affari Esteri, l'Unione Europea si allinea alla posizione statunitense sulla scomparsa del giornalista a Istanbul. La richiesta avanzata da Mogherini è quella di sollevare la coltre di fumo che ha avvolto Khashoggi dopo essere entrato nell'edificio consolare.

La BBC aveva intervistato il giornalista prima della sua visita al Consolato. Khashoggi aveva dichiarato che forse non avrebbe più fatto ritorno nel sul Paese d'origine.