ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Rissa per 'accusa' di non portare velo

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – MILANO, 7 OTT – “Con te non parlo perché non porti
il velo e vivi nel peccato”. E’ questa la frase pronunciata nei
confronti di una donna italiana, compagna di un egiziano di 25
anni e dal quale aspetta un bimbo, che ieri sera ha scatenato
una rissa dove è spuntato un coltello davanti a uno palazzo in
una zona periferica di Milano dove frizioni e litigi si
trascinano da tempo. La rissa, per cui i quattro protagonisti, tutti egiziani,
sono rimasti feriti non gravemente e poi arrestati dai
carabinieri, risale attorno alle 21.40 davanti al portone di uno
stabile in via Crespi, una traversa di viale Monza. La causa sarebbe stata l’‘accusa’ di non indossare il velo
che il custode, 32 anni, ora in ospedale in osservazione,
avrebbe rivolto alla donna, 34 anni, mentre stava rincasando con
il fidanzato. Il quale, da quanto riferito, avrebbe reagito con
calci e pugni e poi il coltello con il risultato che pure suo
fratello 38enne e un amico di 22 anni del portinaio, intervenuti
nella discussione, sono rimasti feriti.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.