Lampedusa ricorda il naufragio del 2013

Lampedusa ricorda il naufragio del 2013
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Furono 368 le vittime recuperate in mare, 155 i superstiti.

PUBBLICITÀ

Sono trascorsi cinque anni e il ricordo è indelebile: i corpi ammassati sulla banchina, uno dietro l'altro, nei sacchi di plastica prima e nelle bare poi.

Alla fine, al termine di quella notte terribile, a cavallo tra il 2 e il 3 ottobre, i lampedusani ne contarono 368, quasi tutti eritrei, morti nel naufragio del barcone su cui viaggiavano, a meno di un chilometro dall'isola dei Conigli, riserva naturale nello splendido mare di Lampedusa. Un approdo mancato per le vittime della strage, un angolo di paradiso per i turisti che affollano le sue spiagge.

Nel 2013 morirono in tanti, 155 vennero salvati. Storie di vite spezzate, raccontate dai relitti delle imbarcazioni e dai giubbini di salvataggio, icone del dolore rimaste nelle spiagge dell'isola.

Salvatore Martello, sindaco di Lampedusa: "Non ci preoccupano gli arrivi dalla Libia, il golfo di Sirte è lontano. Il problema per noi sono le partenze dalla Tunisia"

Salvatore Martello, sindaco di Lampedusa

Finita la stagione di Giusi Nicolini, precedente sindaco di Lampedusa, premio Unesco per la pace 2017, l'attuale primo cittadino denuncia lo stato di degrado, a suo avviso imputabile alla difficile gestione dell'ordine pubblico per la presenza dei migranti che partono dalla Tunisia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti, sì all'accordo tra Italia e Albania: esulta il governo Meloni, critiche le ong

Grande attesa per il vertice Italia - Africa: Meloni presenterà il Piano Mattei

Migranti, fermo amministrativo di 20 giorni per Open arms: "Ostacolato motovedetta libica"