Venezia: galateo per turisti al tempo della grande maleducazione

Venezia: galateo per turisti al tempo della grande maleducazione
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo diversi episodi di degrado, bivacchi e bagordi, Venezia vieta tutto, anche sedersi sui gradini per una sosta...La linea dura passerà in consiglio comunale?

PUBBLICITÀ

Non potendo fermare i grandi flussi, stop al monopattino, al surf, agli skateboard, ai segway ma anche alla sosta seduti sui gradini o per terra, al pranzo al sacco mangiato per strada se si intralciano altri turisti, al pediluvio nei canali e chi più ne ha più ne metta. 

Vita dura per i turisti a Venezia: la Serenessima, stressatissima dai grandi numeri e ovviamente dal turismo cafone, mette nero su bianco ogni divieto possibile e immaginabile.

Il nuovo regolamento, che prevede multe da 50 a 500 euro nonché il Daspo dalla città per chi fa orecchie da mercante al richiamo del vigile urbano, sarà in consiglio comunale a ottobre e già si preannuncia come divisivo. Ovvio che i canali non sono bagni pubblici e in città non si passeggia in costume, ma chi potrà dire a un vecchietto esausto che non si può riposare seduto su un gradino pubblico o a un adolescente, magari pure veneziano, che non può andare, neppure per strada, su uno skate? 

Tutto mentre magari all'orizzonte compare e approda una grande nave da crociera o al palazzo di fianco proliferano b&b. Con i residenti ormai ridotti a 53mila e una folla, croce e delizia, che conta 30 milioni di turisti all'anno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Venezia, nave da crociera fuori controllo travolge un battello da turismo

No global rimuovono il tornello per turisti, "Venezia non è un luna park"

Scattano le indagini per le cause del disastro del bus a Mestre