ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lettura in corso:

In Yemen, tra i malati di cancro - Reportage fotografico

In Yemen, tra i malati di cancro - Reportage fotografico

In Yemen, tra i malati di cancro - Reportage fotografico

In Yemen non si soffre solamente a causa del conflitto. Ai pazienti malati di cancro, infatti, tocca convivere non solo con la guerra ma anche con la malattia, resa ancor più insopportabile dalle precarie condizioni degli ospedali.

Il fotografo dell’agenzia Reuters, Khaled Abdullah, ha visitato l’area di oncologia di vari centri ospedalieri yemeniti scattando le foto che trovate in questo articolo.

Gli anni di guerra hanno portato il paese sull’orlo della carestia mentre epidemie come quella del colera minacciano seriamente la salute della popolazione locale. In questo contesto, l’accesso ai farmaci è un’impresa.

Mohammed al Emad, che accompagna un familiare a ricevere le cure spiega: “E’ molto difficile trovare le medicine e se le trovi sul mercato sono molto care e la gente non puo permettersele”.

Ali Hizam Mused, 70 anni, sdraiato nel letto di una casa ospitante payienti di cancro a Sanaa, 15 agosto 2018

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono 35mila le persone (su 23,3 milioni di abitanti) che in Yemen sono malate di cancro. Ogni anno sono diagnosticati 11mila nuovi casi.

Giovane ragazzo seduto sul letto mentre riceve cure per il cancro nel Centro Nazionale di Oncologia di Sanaa, 6 agosto 2018

Mohamed al-Hosami riceve aiuto dagli abitanti del suo villaggio, Mahwit, per curare la madre nella piccola clinica della città di Hodeidah. “Non ho un lavoro, nè un salario che mi permettano di pagare per il trasporto, mi hanno aiutato nel mio villaggio con i soldi per le cure”, racconta.

Mohammed al-Hosami seduto vicino alla madre malata, 23 luglio 2018

Khaled Ismael bacia la mano della figlia, Radhiya, che ha perso il braccio sinistro a causa del cancro, 10 agosto 2018

Khaled Ismael, nella sua casa di Amra, racconta che ha dovuto vendere tutti i suoi beni e chiedere in prestito molto denaro per coprire le spese delle cure per sua figlia. “Alla fine non ci siamo potuti permettere il trattamento”. La giovane Radhiya ha perso un braccio.

Un gruppo di donne riceve le cure al Centro Nazionale di Oncologia di Sanaa, 12 agosto 2018

Il Centro Nazionale di Oncologia di Sanaa accoglie 600 nuovi pazienti al mese. Secondo il suo direttore Ahmed al-Ashwal, l’anno scorso la struttura ha ricevuto un milione di dollari di donazioni da diversi stati e ONG. Per questo beneficia delle migliori installazioni del paese.

Paziente sottoposto alla radioterapia nel Centro Nazionale di Oncologia di Sanaa, 8 agosto 2018

Preparazione delle dosi dei trattamenti al Centro Nazionale di Oncologia di Sanaa, 23 luglio 2018

Bambina sdraita su un letto del Centro Nazionale di Oncologia di Sanaa, 23 luglio 2018

Le condizioni non sono le stesse nella casa di cura per malati di cancro di Sanaa. Avere un tetto sopra la testa in queste condizioni è già un lusso.

Ahmed al-Hawsalah, 18 anni, malato di cancro al naso, e il padre alla casa di cura di Sanaa, 15 agosto 2018

Adnan al-Bakili, 20 anni, malato di cancro al colon, attende alle porte del Centro di Oncologia di Sanaa, 6 agosto 2018

Secondo l'OMS, prima del conflitto il Centro Nazionale di Oncologia riceveva solitamente 15 milioni di dollari all’anno dallo Stato. Il suo budget veniva dedicato all’acquisto di trattamenti per la chemioterapia e ad altre cure contro il cancro, destinate ai centri di oncologia di tutto il paese.

L’agenzia Reuters ha riportato una dichiarazione ricevuta per posta elettronica: “Oggi, il Centro Nazionale di Oncologia dipende interamente dai fondi forniti dalle organizzazioni internazionali, fra cui l’OMS e alcune organizzazioni caritative o uomini d’affari, siccome i fondi da parte del governo sono stati interrotti, ormai due o tre anni fa”.

Uomo attende le cure del Centro Nazionale di Oncologia di Sanaa, 23 luglio 2018

Il direttore del piccolo centro Al-Amal per il trattamento del cancro, Yasser Abdullah Noor, ha detto che sta lottando per fornire maggiore assistenza ai suoi 5300 pazienti a Hodeidah, e che senza supporto delle autorità la struttura rischia di chiudere. “Un centro che si occupa di migliaia di pazienti non puo funzionare esclusivamente con donazione e sovvenzioni”.

Donna sdraiata su una panchina al Centro di Oncologia di Sanaa, 23 luglio 2018