ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mar Caspio: La convezione sullo status legale ridisegna il futuro della regione

Lettura in corso:

Mar Caspio: La convezione sullo status legale ridisegna il futuro della regione

Mar Caspio: La convezione sullo status legale ridisegna il futuro della regione
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Mar Caspio è ricco di idrocarburi, ma il suo status legale era rimasto un mistero per oltre vent'anni. Adesso i cinque Stati che si affacciano sul bacino uniscono le forze e disegnano un futuro comune per l'intera regione.

Aktau, città portuale del Kazakistan, ha ospitato il quinto Summit del Mar Caspio. I leader dei cinque Stati del bacino, Kazakistan, Russia, Iran, Azerbaigian e Turkmenistan hanno siglato un accordo per sancire lo status legale delle acque del Mar Caspio.

Dopo la dissoluzione dell' Unione Sovietica, l'accordo sulla divisione delle coste tra i quattro Stati emergenti, era fallito con L'Iran che si era sempre opposto ad una alleanza tra i cinque Stati affacciati sul Mar Caspio.

Da Apostolos Staikos di Euronews

Ci sono voluti piu di 20 anni e oltre 50 incontri per preparare la Convenzione sullo Stato Legale del Mar Caspio. Ora, i cinque Stati che si affacciano sul bacino di acqua salata, uniscono le loro forze e scrivono un nuovo capitolo per la cooperazione nei settori del trasporto, commercio, energia ed ecologia.

Il Presidente della Repubblica del Kazakistan Noursoultan Nazarbayev ha accolto i suoi ospiti, ma già in passato tutti i leader degli Stati avevano partecipato ai summit del Mar Caspio. Altre riunioni si erano tenute nel 2002 a Ashgabat, nel 2007 a Tehran, nel 2010 a Baku e ad Astrakhan nel 2014.

Punto centrale del quinto summit la firma della Convenzione sullo status del Mar Caspio da parte dei cinque capi di stato dei cinque paesi. Si tratta di un accordo internazionale fondamentale che tutela tutte e cinque le parti. La Convenzione sullo stato giuridico del Mar Caspio, firmata il 12 agosto, si divide in tre parti principali: acque territoriali che si estendono dalla costa per 15 miglia nautiche, la zona di pesca adiacente con una larghezza di 10 miglia e l’area internazionale delle acque. Le acque territoriali sono considerate il confine marittimo dello Stato.

Nursultan Nazarbayev, Presidente della Repubblica del Kazakistan dice che i paesi che hanno siglato la convenzione, accettano di seguire i punti centrali dell'accordo. Il Mar Caspio rappresenta un luogo in cui esistono buoni rapporti tra gli Stati vicini. Tutti e i cinque gli Stati confinanti ne beneficeranno, come risorsa, in modo pacifico rispettando la sovranità di ciascun paese. Nel Mar Caspio non esisterà nessuna base militare di altri Stati.

La sicurezza rappresenta la priorità per il presidente dell'Iran.

Non ha mai fatto riferimento agli Stati Uniti, ma era chiaro che Hassan Rouhani parlasse di Washington quando ha affermato che il Mar Caspio appartiene solo ai suoi Stati.

Hassan Rouhani, presidente dell' Iran dice che uno dei punti centrali di questo accordo e che nessuna forza militare straniera potrà accedere in questa zona. Nessun esercito o flotta marittima potrà operare nel bacino del Mar Caspio. Con questa decisione si rafforza la sicurezza nell' intera regione.

Oltre alla Convenzione sullo status giuridico, i ministri dei cinque paesi hanno firmato l'Accordo Intergovernativo sul Commercio e la Cooperazione economica e l'Accordo sulla Cooperazione sui trasporti. Anche Vladimir Putin, in questo accordo, ha voluto focalizzare l'attenzione sulla sicurezza e sul rischio di terrorismo.

Vladimir Putin afferma che la questione della sicurezza rappresenta il punto centrale per gli Stati del Mar Caspio. Ritiene necessario rispondere alle minacce presenti a livello internazionale. Non si può dimenticare che il Mar Caspio si trova davvero vicino a zone di conflitto, a zone di attività terroristiche, come il Medio Oriente e l'Afganistan.

Arrivare sin qui non è stato facile. La questione della divisione del territorio, corrispondente al fondale marino ricco di idrocarburi, è stata però rimandata.

Zhumabek Sarabekov, Esperto di Diritto Internazionale dice che la questione che aveva bloccato questo processo era la delimitazione delle acque, visto che ogni Stato affacciato sul Mar caspio offriva una visione diversa. La convenzione in ogni caso rappresenta una formula conveniente. La discussione sugli accessi alla superficie marittima e al fondale va portata avanti dai cinque Stati confinanti.

Per risolvere questo quesito i Capi di Stato hanno preparato i loro team a creare e negoziare un accordo su un metodo di base. Il prossimo Summit del Mar Caspio si terrà in Turkmenistan in data da decidere.

Lasciamo Aktau per raggiungere il porto di Kuryk, sempre nella regione di Mangistau, per la cerimonia inaugurale . Questo porto fa parte di una rete di trasporti internazionale. La capacità di trasporto della rete navale, ferroviaria e automobilistica e di oltre 7 tonnellate all'anno. Le infrastrutture e la rete commerciale del porto potranno gestire i veicoli in meno di 30-40 minuti.

Kanat Alpysbayev, Presidente della Compagnia nazionale KTZ dice che negli ultimi cinque anni il Kazakistan ha aumentato il volume di trasporto dei porti di Aktau e di Kuryk, da 6 milioni a 25 milioni di tonnellate all'anno. Un incremento ulteriore in cui si vede una potenziale crescita. Il Mar Caspio rappresenta un luogo in cui fare affari e spostamenti logistici e vengono offerti servizi competitivi.

All' evento era presente il Presidente dellaRepubblica del Kazakistan Nursultan Nazarbayev.Le aziende di Transporto e logistica dell'Azerbaijan, Georgia, Turchia, Turkmenistan, Iran, China, Russia e Uzbekistan anche i veterani dell'industria dei trasporti del Kazakistan hanno partecipato all'evento.

Altro da focus