"Free press" la stampa contro Trump

"Free press" la stampa contro Trump
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

"Non siamo il nemico", il messaggio di oltre 300 testate Usa che hanno partecipato all'iniziativa promossa dal Boston Globe: un editoriale contro gli attacchi del Presidente contro la stampa e le "fake news". Anche il londinese Guardian ha partecipato

PUBBLICITÀ

A lanciare l'iniziativa è stato il Boston Globe, fondato nel 1872 il quotidiano più diffuso nella cità statunitense e nel New England. Dal giornale è partita la rischiesta a tutti i media americani: pubblicare un editoriale a difesa della stampa libera contro gli attacchi di Trump. All'appello hanno riposto oltre 300 testate.

Il New York Times, giornale spesso nel mirino del presidente, ha titolato la sezione "Opinion" A Free Press Needs You. La stampa libera ha bisogno di voi ricordando in testa la famosa frase di Thomas Jeffereson pronunciata nel 1787. Tra un governo senza giornali e un giornale senza governo prefersico quest'ultima.

I giornalisti non sono i nemici, gli fa eco il Boston ricordando che i giornali servono i governati e non il governo e che Trump ha fatto delle critiche alla stampa il tratto distintivo della sua presidenza. 

La lista di chi ha partecipato è lunghissima, molti i quotiani locali che hanno dato voce alla mobilitazione ,anche quelli delle province  remote come il Cape Cod Times che scrive: il vero nemico della democrazia è l'ignoranza e per batterla serve l'informazione.

Tra i quotidiani internazionali ha partecipato il londinese Guardian che ha ricordato che la libertà di stampa non è stata invetata negli stati uniti ma qui il rispetto per la verità oggi è a rischio.

Lo stesso Trump contro il quale è diretta la protesta ha iniziato la sua giornata sulla difensiva, definendo i media su twitter il partito d'opposizione. E' davvero dannoso per il nostro paese scrive ma noi stiamo vincendo.  

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'eterna crisi dell'informazione: a Padova licenziamenti in tronco

Usa, Donald Trump paga 175 milioni di dollari di cauzione per evitare la confisca dei suoi beni

Usa, Trump non trova i soldi per multa da mezzo miliardo per frode a New York