Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Bulgaria, il massacro degli "innocenti". Allevatori contro il governo

Bulgaria, il massacro degli "innocenti". Allevatori contro il governo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Nei giorni scorsi è stata organizzata una protesta da alcuni allevatori di greggi contro il governo bulgaro per richiedere un compenso adeguato a fronte della perdita di animali da loro subita. Euronews ha parlato con allevatori e protagonisti della protesta per saperne di più.

"Abbiamo bloccato l'attività delle fattorie: è la nostra guerra contro l'amministrazione dello stato. E' uno stop temporaneo di circa 8 giorni. Ieri hanno cominciato di nuovo a uccidere animali in un villaggio. Dopo 8 giorni hanno ripreso di nuovo proprio ieri", sono le parole del docente di economia Vladimir Pavlov, tra gli organizzatori della protesta.

Interi greggi di 4000 pecore e capre sono stati eliminati, infatti, nelle regioni Burgas e Yambol a sud della Bulgaria a causa della peste bovina che si è diffusa in quell'area.

Il caso è scoppiato anche sui social network dove sempre più le persone si domandano perché prima del massacro non si è pensato a porre gli animali in quarantena, e accuse di uccisioni indiscriminate anche prima che fossero resi noti i risultati del laboratorio cominciano a serpeggiare. In effetti anche una la veterinaria marina Ivanova, direttrice dell'associazione "Charity for Animal protection Quattro Zampe" ha confermato queste voci.

"E' necessario - afferma la dottoressa Ivanova in un intervento - che gli animali siano posti sotto osservazione, che siano estratti regolarmente da loro campioni di sangue per monitorare ogni due settimane se compaiano dei segni o meno. Solo dopo questo monitoraggio allora si può prendere in considerazione l'eliminazione, qui invece ne è stato fatto un uso indiscriminato"

Gli allevatori ritengono che il compenso minimo già previsto per la perdita di ogni capo sia insufficiente per compensare il mancato guadagno.