EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Democratici Usa, i sommersi e i salvati

Democratici Usa, i sommersi e i salvati
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Stelle montanti e il disastro di Chelsea Manning che prende meno del 6% in Maryland

PUBBLICITÀ

Non c'è solo Trump in America a rappresentare un cambiamento nel panorama politico. Anche fra i democratici ci sono nuove stelle in ascesa. Alexandria Ocasio-Cortez è una giovane attivista socialista latinoamericana nata nel Bronx, che ha sconfitto alle primarie per le elezioni di metà mandato alla Camera dei rappresentanti Joe Crowley uno dei politici più noti del partito dell'asinello. Crowley, 56 anni, con diversi mandati alle spalle, era considerato un potenziale successore di Nancy Pelosi come capogruppo dei democratici alla Camera. Alcuni lo vedevano addirittura alla presidenza della camera bassa in caso di vittoria dei democratici alle elezioni di novembre. Ocasio-Cortez, cameriera in un ristorante fino a pochi mesi fa ha spazzato via l'avversario.

Disastrosa invece la campagna di Chelsea Manning, la 'talpa' del Datagate, condannata per aver trasmesso documenti governativi sensibili a WikiLeaks: sconfitta alle primarie democratiche in Maryland per un seggio al Senato, in cui ha prevalso il senatore Ben Cardin che correrà per un terzo mandato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, nessun riferimento di Harris alla candidatura presidenziale, ma un elogio all'eredità "ineguagliabile" lasciata da Biden

Presidenziali Usa, il Nyt: "Biden sta valutando se continuare la corsa", la Casa Bianca smentisce

Primarie Usa, attesa per il Super tuesday: dove si vota e cosa aspettarsi