EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Matteo Salvini irrita Tunisi, incidente diplomatico

Matteo Salvini irrita Tunisi, incidente diplomatico
Diritti d'autore 
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'ambasciatore italiano convocato dal ministro degli esteri di Tunisi per chiarimenti sulle parole pronunciate a Pozzallo dal vicepresidente del Consiglio "Tunisia esporta spesso e volentieri galeotti".

PUBBLICITÀ

"Chi si è offeso in Tunisia sbaglia. Io non ho detto che chiunque arrivi dalla Tunisia è un galeotto".

Arriva a tarda sera lunedì la toppa del vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno Matteo Salvini che cerca di riparare il primo incidente diplomatico del nuovo governo, quello provocato dalle parole di Salvini in visita a Pozzallo domenica quando aveva detto: "La Tunisia non sta esportando gentiluomini ma spesso e volentieri esporta galeotti".

Parole pronunciate nel giorno di un naufragio con vittime al largo delle coste tunisine, parole che Tunisi ovviamente non ha lasciato cadere: il ministro degli esteri ha subito convocato l'ambasciatore italiano per ratificare il suo "stupore" per frasi che, citiamo testualmente, "indicano una conoscenza incompleta dei vari meccanismi di coordinamento esistenti tra i servizi tunisini e italiani per affrontare il fenomeno dell'immigrazione".

Intanto Salvini ha dato un'indicazione importante su quali saranno i principali alleati esteri del nuovo governo dicendo durante un comizio "Con Orban cambieremo le regole Ue" salutando il presidente ungherese, paladino dell'immigrazione zero, come partner favorito.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Salvini-Soros, botta-risposta al veleno su ruolo Putin in Europa

Matteo Salvini, da secessionista a sovranista

Governo: respinta la sfiducia contro Salvini e Santanchè