Nakba: proclamati 3 giorni di lutto nei Territori palestinesi all'indomani degli scontri al confine con Israele costati la vita a una sessantina di persone

Nakba: proclamati 3 giorni di lutto nei Territori palestinesi all'indomani degli scontri al confine con Israele costati la vita a una sessantina di persone
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nel giorno della 'Grande catastrofe', i palestinesi celebrano i funerali dei morti negli scontri di questo 14 maggio. Per l'occasione è stato proclamato anche uno sciopero generale

PUBBLICITÀ

Ramallah tutto è rimasto chiuso nei territori palestinesi in quella che è ricordata come la giornata della grande catastrofe, la Nakba la grande catastrofe e che ricorda la nascita dello Stato di Israele di cui il 14 maggio 2018 ricorrevano i 70 anni.

Solo una sirena ha allungato il suo urlo sinistro per le vie di Ramallah, dove tutto è chiuso all'indomani degli scontri israelo palestinesi costati la vita a una sessantina di palestinesi.

Uno sciopero generale è stato indetto in Cisgiordania e Gaza per seppellire i morti, 60 civili, tra cui 8 bambini (compresa la piccola Layla, di soli 8 mesi).

La giornata di ieri, che ha visto anche l'inaugurazione della nuova ambasciata americana a Gerusalemme è stata la più sanguinosa dalla conflitto del 2014.

Oltre 2700 i feriti.

I palestinesi hanno celebrato il funerale anche della piccola Laila, di 8 mesi, che ieri non è sopravvissuta ai fumi dei gas lacrimogeni che hanno infestato il villaggio dove vive la famiglia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

I 70 anni della "catastrofe": la diaspora palestinese rivendica il diritto a tornare a casa

Gaza: il funerale di Layla

Gaza: la maggior parte degli ostaggi di Hamas potrebbe essere morta