EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Francia, sì dell'Assemblea nazionale: cosa prevede il disegno di legge su asilo e immigrazione

Francia, sì dell'Assemblea nazionale: cosa prevede il disegno di legge su asilo e immigrazione
Diritti d'autore 
Di Cinzia Rizzi
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

228 voti a favore, 139 contro e 24 astensioni, per il disegno di legge che ha diviso il parlamento transalpino. Quali sono le principali misure?

PUBBLICITÀ

Dopo 61 ore di dibattito sull'arco di una settimana e un migliaio di emendamenti proposti al progetto originale, l'assemblea nazionale francese ha adottato in prima lettura con 228 voti favorevoli, 139 contrari e 28 astensioni, la nuova legge su immigrazione e diritto d'asilo.

Il testo è stato sostenuto dalla maggioranza di governo, mentre hanno votato contro i repubblicani, tutte le forze di sinistra e il partito di estrema destra Front National. La maggioranza non è stata comunque unita, con l'ex socialista Jean-Michel Clément che ha subito lasciato il movimento del Presidente Emmanuel Macron, la République En Marche.

Cosa prevede il testo

Ecco le principali misure del disegno di legge - fortemente voluto dal Ministro degli Interni Gérard Collomb - che verrà discusso in Senato a giugno, con la maggioranza repubblicana che ha già promesso di "modificare sostanzialmente" il progetto. Innanzitutto l'obiettivo del testo è quello di ridurre i tempi di decisione sull'asilo, rinforzare la lotta contro l'immigrazione clandestina e garantire un'integrazione di successo per chi viene accettato.

  • I tempi per l'esame della domanda d'asilo vengono ridotti a sei mesi, contro gli undici attuali;
  • Riduzione da 120 a 90 giorni della scadenza per presentare la domanda, dopo l'arrivo in Francia;
  • Notifica da parte dell'OFPRA (ufficio francese per i rifugiati) "con ogni mezzo" (compresi quelli elettronici) e non solo per posta;
  • Riduzione da un mese a 15 giorni della scadenza per la presentazione di un ricorso al CNDA (tribunale nazionale d'asilo) e possibilità di udienze a distanza, in videoconferenza;
  • Allontanamento facilitato per alcune categorie di persone alle quali è stato rifiutato l'asilo (es. cittadini provenienti da un Paese di origine considerato "sicuro");
  • Scambio di informazioni tra il centro d'accoglienza e l'OFII (ufficio francese per l'immigrazione e l'integrazione) per richiedenti asilo e rifugiati;
  • Permesso di soggiorno di quattro anni, invece di un anno, per i rifugiati titolari di protezione sussidiaria e gli apolidi;
  • Protezione rafforzata delle ragazze a rischio di mutilazione sessuale, estesa ai giovani uomini;
  • Un Paese che perseguita gli omosessuali non può essere considerato "sicuro";
  • Per i minori, estensione del ricongiungimento familiare a fratelli e sorelle;
  • Possibilità di protezione per gli stranieri "che non hanno ancora potuto registrare" la domanda d'asilo;
  • Allegerite le pene per "crimine di solidarietà" per coloro che aiutano i migranti;
  • I richiedenti asilo che non hanno ottenuto risposta dall'OFPRA, potranno entrare nel mercato del lavoro entro sei mesi (e non più nove) dalla presentazione della domanda;
  • Aumento della durata massima della detenzione amministrativa, da 45 a 90 giorni (e non 135, come inizialmente previsto dal governo);
  • Aumento da 16 a 24 ore della durata della detenzione amministrativa, per verificare il diritto di soggiorno e rafforzare i poteri di indagine;
  • Rafforzamento del regime degli arresti domiciliari per tre ore consecutive, in caso di minaccia all'ordine pubblico;
  • Possibilità di concedere l'assistenza al ritorno volontario a uno straniero trattenuto;
  • Estensione dell'udienza a distanza per il giudice delle libertà e il tribunale amministrativo;
  • I deputati avevano elaborato una legge facilitante la detenzione di coloro che erano già registrati in un altro Paese europeo, per portare a 15 giorni (anziché 7) i termini dell'appello e inquadrare i motivi della detenzione;
  • Estensione del "passaporto talento" a nuove categorie;
  • Sistemazione facilitata degli studenti ricercatori;
  • Disposizioni protettive sul diritto di soggiorno delle vittime di violenza domestica;
  • E' stato adottato un emendamento "Emmaüs", affinché i membri dell'associazione possano beneficiare del permesso di soggiorno temporaneo, per "ragione straordinaria", come l'appartenenza attiva all'associazione o come persona che rende servizio alla società.

Risorse addizionali per questo articolo • AFP

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Scontri al confine: arresti per aver fatto entrare migranti in Francia

Olimpiadi di Parigi, allestito il più grande campo militare per garantire la sicurezza

Parigi, la torcia olimpica illumina la parata militare del 14 luglio