EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Questa tartaruga "punk" che respira dai genitali è a rischio sopravvivenza

Questa tartaruga "punk" che respira dai genitali è a rischio sopravvivenza
Diritti d'autore  Chris Van Wyk/via REUTERS
Diritti d'autore  Chris Van Wyk/via REUTERS
Di Alice Cuddy
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Tra i rettili presenti nella lista ci sono camaleonti delle dimensioni di un'unghia umana, una specie di serpente cieco che si trova solo in Madagascar e la più grande tartaruga del mondo.

PUBBLICITÀ

Una tartaruga di fiume australiana con "capelli" verde brillante, due spuntoni sotto il mento e la capacità di respirare attraverso i genitali è entrata nella lista dei rettili in via di estinzione.

La tartaruga Mary River, originaria dello stato australiano del Queensland, è classificata al 30esimo posto nella lista dei rettili EDGE (Evolutionally Distinct and Globally Endangered) della Zoological Society di Londra.

Istituiti nel 2007, gli elenchi EDGE riguardano anfibi, uccelli, coralli e mammiferi e contribuiscono a orientare le priorità di conservazione per le specie più a rischio. La nuova lista classifica i rettili su una combinazione di quanto siano in pericolo ma, anche, insoliti.

La tartaruga Mary River può rimanere sott'acqua fino a tre giorni respirando attraverso i suoi genitali. Gli esemplari di questa specie sfoggiano una sorta di cresta verde a causa della crescita di alghe sulla testa per via del lungo tempo passato in immersione.  

Chris Van Wyk/via REUTERS

La costruzione di dighe e la raccolta di uova per il commercio di animali domestici hanno portato al declino di questa specie, riferisce EDGE.

Tra i rettili presenti nella lista ci sono camaleonti delle dimensioni di un'unghia umana, una specie di serpente cieco che si trova solo in Madagascar e la più grande tartaruga del mondo.

"I rettili spesso sono quelli più penalizzati in termini di conservazione rispetto ad uccelli e mammiferi. Tuttavia, la lista dei rettili EDGE mette in evidenza quanto siano uniche, vulnerabili e sorprendenti queste creature", ha detto in una dichiarazione il coordinatore della sezione rettili EDGE, Rikki Gumbs.

"Come per le tigri, i rinoceronti e gli elefanti, è fondamentale fare del nostro meglio per salvare questi animali unici e troppo spesso trascurati. Molti rettili EDGE sono gli unici superstiti di antiche stirpi... Se perdiamo queste specie non ne avremo mai più altre così, sulla Terra".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'uragano Beryl verso il Messico: devastate la Giamaica e altre isole dei Caraibi

Papua Nuova Guinea, si temono una seconda frana e le epidemie

Giornata della Terra 2024: la sfida del Pianeta contro l'inquinamento da plastica