EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Comico impersona Puigdemont, un vicino dà l'allarme e interviene la polizia

Comico impersona Puigdemont, un vicino dà l'allarme e interviene la polizia
Diritti d'autore CREDIT: Vertele.eldiario.es
Diritti d'autore CREDIT: Vertele.eldiario.es
Di Rafael CerecedaMarta Rodriguez, Lillo Montalto Monella
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Sei agenti sono intervenuti per identificare Joaquín Reyes, che stava registrando uno sketch in un parco, pensando di aver finalmente beccato il leader catalano

PUBBLICITÀ

Un comico spagnolo travestito da Carles Puigdemont ha quasi rischiato l'arrestato in un parco di Madrid. La polizia è intervenuta su segnalazione di un vicino che pensava di aver avvistato il vero leader indipendentista catalano "in esilio" a Bruxelles.

Joaquín Reyes, questo il nome dell'artista, stava girando uno sketch nel parco Europa di Torrejón de Ardoz dove si trovano repliche in miniatura di famosi monumenti europei come la torre Eiffel, la porta di Brandeburgo e l'Atomium di Bruxelles.

Proprio davanti alla ricostruzione del monumento in acciaio, simbolo della Capitale belga, sei agenti della Policia Nacional hanno chiesto al comico i documenti di identificazione interrompendo le riprese.

Reyes stava girando delle scene per il programma El Intermedio, messo in onda dal canale La Sexta. Trucco e parrucco evidentemente sono stati così realistici da trarre in inganno il passante.

Sia gli agenti che il comico hanno preso con filosofia il malinteso e la cosa si è conclusa con una risata. Il comico ha quindi ripreso le registrazioni.

Reyes ha definito il cittadino che ha dato l'allarme un "eroe anonimo, che ha fatto bene a denunciare".

"Gli agenti non sono venuti correndo, o meglio, non hanno mostrato entusiasmo nel catturare Puigdemont. Ho detto loro: questo non sarà il vostro pomeriggio di gloria, mi spiace", ha dichiarato Reyes alla televisione spagnola. "Non c'è da scherzare con la situazione", avrebbero risposto inizialmente i poliziotti.

Settimana scorsa la Guardia Civile a Barcellona aveva perquisito il jet privato dell'allenatore Pep Guardiola, vicino a posizioni indipendentiste, alla ricerca dell'ex presidente della Generalitat catalana.

foto: vertele.eldiario.es

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Puigdemont potrebbe diventare presidente "simbolico" della Catalogna

Assange come Puigdemont: asilo forzato all'estero in attesa di tempi migliori

La vittoria dei socialisti alle elezioni in Catalogna pone fine al predominio degli indipendentisti