Daca, secondo giudice ferma Trump

Daca, secondo giudice ferma Trump
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un altro togato blocca l'abolizione del provvedimento contro i "dreamers"

PUBBLICITÀ

Donald Trump dovrà aspettare ancora per mettere in cantina il "Daca": il provvedimento che varò Barack Obama e che tutela i giovani immigrati dalla deportazione. Un secondo giudice, di Brooklyn Nicholas Garaufis, ha affermato che "pur avendo il diritto di mettere fine al programma del suo predecessore, Trump non porrebbe le motivazioni legali adeguate per poterlo applicare". Una posizione simile a quella che, un mese fa, prese un magistrato della Corte di San Francisco poiché l'intento della Casa Bianca poggerebbe esclusivamente sulla conclusione legale che il Daca sia incostituzionale.

Secondo i giudici invece, questo non è corretto. Posposta dunque la data del 5 marzo per l'abolizione. Quasi certamente, la Casa Bianca ricorrerà in appello.

Per l'amministrazione, i cosiddetti "dreamers" sarebbero stati portati illegalmente negli Stati Uniti proprio grazie al programma. Si tratterebbe di circa 700.000 persone in tutto il paese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Trump: "Il Messico non fa nulla contro i flussi di irregolari verso gli Usa"

New York, uomo si dà fuoco davanti al tribunale del processo a Donald Trump

Usa, Donald Trump a cena con Andrzej Duda a New York: il tycoon sonda il terreno per la Casa Bianca