ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Assange come Puigdemont: asilo forzato all'estero in attesa di tempi migliori

Assange come Puigdemont: asilo forzato all'estero in attesa di tempi migliori
Dimensioni di testo Aa Aa

Julian Assange, il controverso fondatore di WikiLeaks, ha perso una battaglia legale che avrebbe potuto mettere fine al suo asilo forzato nell'ambasciata ecuadoriana, iniziato oltre cinque anni fa.

Un magistrato britannico ha confermato il mandato d'arresto, respingendo la richiesta dei legali di Assange di revocarlo perché l'accusato non è più ricercato in Svezia.

Per cui Assange resta lì dov'è.