This content is not available in your region

Grecia: migliaia in piazza per un nome

Access to the comments Commenti
Di Salvatore Falco
euronews_icons_loading
Grecia: migliaia in piazza per un nome
Diritti d'autore  REUTERS/Dimitris Michalakis

La disputa sull'uso del nome Macedonia riporta alla ribalta il nazionalismo greco. Centinaia di migliaia di persone sono tornati in piazza Syntagma ad Atene per rivendicare il controllo e la proprietà esclusiva del nome.

La protesta ha raccolto l'adesione anche esponenti del mondo della cultura, il compositore Mikis Theodorakis chiede un referendum: "Quando si difendono i diritti del proprio paese e della sua gente questo non è nazionalismo, ma patriottismo. Oggi, i greci, uniti in piazza Syntagma, inviano la risposta che la Macedonia è una e la Macedonia era, è e sarà per sempre greca".

Sono già decine le manifestazioni da quando il premier Aleksis Tsipras ha avviato i colloqui con il governo di Skopje per trovare un accordo su un nuovo nome per il paese della ex jugoslavia.

"Non ci può essere alcun compromesso. La Grecia è una, la Macedonia è una - dice Christos Kilikopoulos - La Macedonia è la Grecia. Questo è tutto quello che c' è da dire".

In campo anche l'Onu che ha proposto a Skopje i nomi Alta Macedonia e Nuova Macedonia per sbloccare una crisi che dura da 25 anni.

"Gli organizzatori del raduno e le persone che sono venute ad Atene da ogni parte della Grecia chiedono che qualsiasi accordo con il governo dell'ex Repubblica jugoslava di Macedonia sia sottoposto a referendum affinché i greci possano esprimersi", conclude la giornalista di euronews, Symela Touchtidou.

REUTERS/Dimitris Michalakis
REUTERS/Costas Baltas